Viso e corpo

Il sole fa bene ai brufoli? Tutto quello che devi sapere sull’acne estiva

acne e sole



Pensavi di aver superato indenne l'età puberale e ora che sei cresciuta ti trovi a dover fare i conti con l'acne. Per di più in estate. La concomitanza con il sole può essere la causa o ci sono altri motivi? Come rimediare?

Uno studio pubblicato sul Journal of Dermatology ha svelato che negli ultimi 10 anni l’acne negli adulti è aumentata del 60%. Circa il 50% delle donne adulte dichiara di avere avuto fenomeni di acne, brufoli, pelle lucida o arrossata, punti neri, pori dilatati. Le cause? Inquinamento, stress, stanchezza, cattiva alimentazione, squilibri del microbiota, fluttuazioni ormonali. Le imperfezioni cutanee non riguardano più solo la Gen Z, ma sono un problema che interessa tutti.

Ciò significa che imperfezioni e acne sono un disagio comune. Se l'acne è un problema con cui combatti da tempo, sei probabilmente preparatissima sull'argomento, ma se si è scatenata recentemente potresti ritrovarti spaesata.

Abbiamo consultato due esperte del settore, Reginetta Trenti, Dottoressa in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche e Marketing Medical Manager di BioNike e Camilla D'Antonio, Dottoressa in Farmacia nonché founder e direttore scientifico di Miamo, per capire quali sono i comportamenti e la routine da adottare in questi casi.

Acne: che cos'è?

“La parola acne deriva dal greco acme e significa punto più alto o vetta. È una dermatosi infiammatoria del follicolo pilo-sebaceo ed è una patologia dermatologica cronica-recidivante con fasi acute e fasi di remissione. La sua eziologia è multifattoriale, cioè può essere scatenata da più fattori senza individuarne uno specifico”, dice Reginetta Trenti. “Le manifestazioni dell’acne sono di due tipi. I comedoni - punti neri o punti bianchi - sono di tipo non infiammatorio. Nei soggetti predisposti però, evolvono in lesioni infiammate, le papule – dette comunemente brufoli - e le pustole”.

VEDI ANCHE Acne: anche le star ne soffrono e l’affrontano all’insegna della Skin Positivity BeautyAcne: anche le star ne soffrono e l’affrontano all’insegna della Skin Positivity

Quali sono i diversi tipi di acne?

“L'acne giovanile e l'acne adulta sono forme che compaiono in età diverse, ma entrambe sono caratterizzate da una serie di eventi fra loro concatenati: un'aumentata produzione di sebo delle ghiandole sebacee, un alterato processo di cheratinizzazione follicolare, l'ipercolonizzazione follicolare del Cutibacterium acnes (nomenclatura moderna del Propionibacterium acnes) e il rilascio di mediatori infiammatori con flogosi follicolare e perifollicolare. Sono la stessa patologia ed entrambe sono causate da squilibri ormonali. In quella tardiva le manifestazioni sono su mento e guance”, spiega Trenti. “In quella giovanile si manifesta in zone localizzate come guance, spalle, dorso e può essere lieve, moderata o severa”, fa eco Camilla d'Antonio.

Ci sono poi altre varietà di acne, meno diffuse. “L'acne solare, o acne di Maiorca, è una forma papulo-pustolosa causata da clima caldo-umido e prolungata ed eccessiva al sole che colpisce soggetti predisposti alla pelle impura e si manifesta generalmente su viso, torace e schiena. Oltre a sole e caldo, può essere scatenata dall'utilizzo di creme solari non adatte al tipo di pelle”, prosegue D'Antonio.

In un passato recente è stato coniato un neologismo per descrivere una nuova forma di acne. “La maskne si scatena in soggetti predisposti. Indossare a lungo la mascherina può determinare localmente una condizione di umidità e di scarsità di ossigeno che favorisce la proliferazione del Cutibacterium acnes, un microrganismo presente anche sulla cute di soggetti sani, ma se prolifera su una pelle grassa e ispessita, ci sono le condizioni per causare una lesione infiammata e quindi la comparsa del brufolo”, aggiunge Trenti.

“Altre forme di acne possono essere l'acne iatrogena, indotta da farmaci corticosteroidi topici e sistemici, anabolizzanti, antiepilettici e ciclosporina, la follicolite da gram-negativi e l'acne rosacea o rosacea”, conclude Trenti.

Cura dell'acne in estate: cosa fare?

I brufoli, quindi le papule/pustole, sono manifestazioni infiammatorie che possono avere cause diverse, come la follicolite, ed essere occasionali, ovvero non croniche. L’acne è una patologia che tra l’altro può avere una predominanza di lesioni non infiammate, come l'acne comedonica”, spiega Trenti. “L’approccio è ovviamente diverso. Nel caso di brufoli può essere sufficiente una routine purificante e un trattamento localizzato, nel secondo caso è auspicabile il parere del dermatologo”.

Brufoli: i trattamenti localizzati

1/3
Saturn, Sunday Riley (da Sephora) - Una maschera curativa contenente il 10% di zolfo ad azione rapida, che penetra nei pori e asciuga e illumina le macchi esistenti, prevenendo la formazione di nuove. Funziona su eruzioni cutanee, inclusi pori ostruiti e macchie congestionate, infiammatorie e ormonali, eruzioni cutanee e rosacea .
La niacinamide aiuta a perfezionare e uniformare l'incarnato; lo
zinco PCA e l'argilla bentonite aiutano a rimuovere le impurità, ridurre l'eccesso di sebo e lenire l'aspetto degli arrossamenti superficiali, senza seccare eccessivamente.
2/3
Espada BHA+PHA Blemish Solution e device, Foreo - Il gel anti-acne potenziato dalla luce LED blu e dalle pulsazioni T-Sonic del device, distrugge i batteri che causano l'acne in profondità nella pelle, così come i brufoli e le macchie sulla superficie, riducendo le imperfezioni e l'infiammazione e regolando la produzione di sebo.
3/3
Nectar Pur Roll On Purificante Bio, Melvita – Contiene olio di menta piperita e wasabi che difendono la pelle dalle aggressioni di germi e batteri. La menta piperita contiene un olio essenziale che limita la proliferazione dei batteri responsabili della comparsa delle imperfezioni e il wasabi previene gli attacchi dei germi. La linfa di betulla purificante e rivitalizzante favorisce protezione e riequilibrio.
PREV
NEXT

Skincare acne estate: cosa usare?

“Per trattare la pelle grassa e a tendenza acneica può dare beneficio l’applicazione sequenziale di prodotti specifici per il tipo di pelle o di severità dell’acne. Si parte da una corretta detersione, passando per l’utilizzo di attivi esfolianti, fino all’applicazione del solare. Nei casi più severi è necessario iniziare una terapia farmacologica solo su prescrizione medica. È importante evitare di premere sulle imperfezioni in quanto questo gesto comporta la diffusione batterica sulle zone adiacenti”, dice D'Antonio.

Cura dell'acne in estate: i prodotti

1/10
Aknet Gel Detergente, BioNike - Detergente effetto scrub per la detersione profonda della pelle seborroica a tendenza acneica. Aiuta a ridurre l’iperseborrea e limita la formazione dei comedoni, lasciando la pelle levigata, fresca e pulita.
2/10
Acnever Cream, Miamo – Con Acnever Complex, contiene acido salicilico, niacinamide, bakuchiol, azegliocina e argento controlla la produzione di sebo agendo sul microbiota.
3/10
Deep Detox Tightening Mask, Magicstripes – A base di argilla bianca dell'Amazzonia, aiuta a detossinare la pelle. Il caolino, un minerale assorbente, ha funzione purificante e astringente.
4/10
Clarity Mist Purificante, Pixi - Opacizzante, purificante e idratante grazie allo Hyaluronic Complex, alla Centella Asiatica e agli estratti vegetali che aiutano a re-idratare, rinfrescare e lenire la pelle.
5/10
Balancing Face Mist, Byoma (da Sephora) - Uno spray leggero per il viso con il nostro Tri-Ceramide Complex™, più una potente miscela equilibrante di Allantoina e Fermento Probiotico che aiuta a reintegrare e rafforzare il microbioma della pelle. Imita la naturale funzione di barriera e calma i rossori per una pelle idratata, morbida e rinfrescata.
6/10
Bamboo Matte Lotion, Erborian (da Sephora) - Lozione opacizzante per pelli normali e grasse. La polvere opacizzante, combinata con una fase acquosa arricchita con estratti di bamboo ad azione idratante, aiuta a ridurre il sebo in eccesso e a restringere i pori.
7/10
Vinopure Fluide Matifiant Hydratant, Caudalie – Fluido opacizzante, contiene acido salicilico naturale per un'azione esfoliante, niacinamide astringente, polifenoli antiossidanti e oli essenziali bio di lavanda, citronella, menta piperita, rosmarino, melissa e geranio antibatterici.
8/10
Acne Serum, e-cooking - Ideale sulla pelle oleosa, a tendenza acneica, con acne e/o cicatrici da acne, brufoli e punti neri e per stringere e purificare i pori dilatati. L'acido salicilico penetra nei pori in profondità e li esfolia internamente.
9/10
Hydra-Derm Balance Fluid, Mádara - Fluido idratante non comedogenico e dalla texture leggera, è arricchito con acido ialuronico. La formula agisce riequilibrando il microbioma e favorisce il restringimento dei pori, riducendo il sebo in eccesso. Per le pelli grasse, aiuta a prevenire l'insorgenza di brufoli.
10/10
Siero Age-Purify Intensive, Filorga – Contiene un
un estratto vegetale riequilibrante dall’efficacia a lunga durata che supporta la produzione della proteina IGFB3, inibitrice del segnale di ipercheratinizzazione in contesto di disequilibrio cutaneo.
PREV
NEXT

Brufoli e acne: come ci si comporta in estate?

“Il sole è un ottimo alleato per la nostra pelle. In caso di pelle grassa o a tendenza acneica però, l’esposizione ai raggi ultravioletti può determinare ispessimento della cute, maggiore secchezza della pelle e disidratazione. Questo causa una sovrastimolazione delle ghiandole sebacee con effetto rebound ed eccessiva produzione di sebo”, dice la D'Antonio.

“I raggi UVB acutizzano i processi infiammatori alla base dell’acne che quindi si ripresenta in modo più vistoso nella stagione autunnale. In caso di pelle a tendenza acneica è importante utilizzare una protezione solare con fattore di protezione molto alto. Una SPF 50+ serve a contrastare il più possibile l’azione pro-infiammatoria dei raggi UVB”, aggiunge Trenti.

VEDI ANCHE SPF: guida all’uso delle creme solari con le risposte a tutti i dubbi BeautySPF: guida all’uso delle creme solari con le risposte a tutti i dubbi

Cura per l'acne in estate: come cambia?

Il trattamento dell’acne cambia in relazione alla sua fase, acuta o in remissione, per cui a parte il detergente specifico da usare sempre e il solare quando ci si espone al sole, la routine cosmetica dovrebbe prediligere trattamenti intensivi in fase acuta e di mantenimento in fase di remissione. E nel caso di terapie possono essere necessarie delle sospensioni durante i periodi di esposizione al sole, ma queste sono decisioni del dermatologo” dice Trenti.

Solari: quali scegliere?

“L’esposizione solare senza un’adeguata protezione, soprattutto in una pelle già infiammata, può determinare l’insorgenza di iperpigmentazioni. L’applicazione dei solari protegge la pelle dai danni causati da raggi UV, evitando macchie e segni permanenti. Per una pelle grassa a tendenza acneica una texture leggera e di facile assorbimento risulta ideale”, dice la D'Antonio.

1/3
AntheliosOil Correct SPF 50+, La Roche-Posay – Contiene Tecnologia Cellox-B3 Tech, per una protezione molto alta ad ampio spettro UVB/UVA e per un’azione anti-inquinamento sulla pelle e un effetto antiossidante contro l’inquinamento e gli infrarossi-A; 0,3% di acido salicilico per un’azione esfoliante, 3% niacinamide, antiossidante e lenitiva e 0,1% di zinco sebo-regolatore.
2/3
Cleanance SPF 50+, Avène – Solare dalla texture leggerissima che si spalma facilmente e protegge da raggi UV e luce blu-ultravioletta. Contiene monolaurina, p
er opacizzare l’incarnato e aiutare a ridurre l’iperproduzione di sebo.
3/3
Sebiaclear Creme SPF 50, SVR – Con gluconolattone ad azione cheratolitica e anti-infiammatoria e niacinamide, antibatterica e seboregolatrice, aiuta a prevenire sia l'insorgere di imperfezioni che l’ispessimento della grana cutanea.
PREV
NEXT

Come coprire i brufoli in estate: trucco sì o no?

“Molto spesso i cosmetici possono determinare lo sviluppo di imperfezioni. Sono da evitare i prodotti che contengono sostanze comedogeniche o a base oleosa, che portano la pelle allo sviluppo di reazioni cutanee”, dice D'Antonio. “Meglio scegliere fondotinta formulati in modo specifico per pelle grassa a tendenza acneica e testati non comedogeni”, suggerisce Trenti.

La dieta influisce? Quanto è importante?

“Gli alimenti ad alto indice glicemico e i prodotti caseari (latte e suoi derivati) sono fattori dietetici cruciali nello sviluppo e/o nel peggioramento dell’acne. Gli approcci dermatologici più moderni infatti, si avvalgono di consulenze di tipo nutrizionale e di coadiuvanti probiotici”, dice Trenti.

Riproduzione riservata