Viso e corpo

Macchie solari del viso: i rimedi naturali per attenuarle funzionano? La verità

Le ricette fai-da-te non sostituiscono le cure da farmacia, profumeria o erboristeria, ma qualcosa possono fare per ridimensionare le macchie solari, quando sono ancora poco evidenti. In ogni caso, è sempre bene prestare la massima attenzione. Come ti spieghiamo nell'articolo

Esistono rimedi naturali per schiarire le macchie del viso? Sì, ma a patto di adoperarli con molta cautela e di aspettarsi solo lievi miglioramenti. Se la macchia è appena evidente o sta iniziando ad apparire, si può infatti provare a ridurla con varie ricette fai-da-te a base di ingredienti naturali, ma è sempre meglio prima consultare un dermatologo.
Ciò è valido soprattutto se si è molto giovani, quando è molto probabile cioè che le macchie possano essere di recente formazione (uno stadio in cui è più facile intervenire per ridimensionarle). La conditio sine qua di tutti i rimedi naturali contro le macchie è di non esporsi mai al sole, durante e dopo l’applicazione degli stessi. E di interrompere subito i trattamenti, qualora sulla pelle si dovessero avvertire bruciori, arrossamenti o prurito.

Come eliminare le macchie della pelle in modo naturale

Tra i rimedi naturali contro le macchie del viso più popolari c’è senz’altro il limone, riconosciuto come sbiancante naturale. Pare che applicato due volte al giorno sull’area interessata, schiarisca gradualmente la pelle. Certo, il processo di rimozione delle cellule morte – cariche di pigmento scuro – è molto lento. Bisogna, quindi, armarsi di pazienza.
Fai così: intingi un cotton fioc nel succo di mezzo limone e fai delle “spennellature” 2 volte al giorno sulla macchia, avendo cura di non sciacquarti il viso. Meglio però parlare prima con il proprio dermatologo per assicurarsi che sia una soluzione non troppo aggressiva per la nostra pelle.

Un altro rimedio naturale che può rivelarsi utile contro le macchie è l’aceto bianco unito al rafano, una radice della famiglia delle crucifere (quella dei cavolfiori). Per preparare una lozione schiarente fai così: grattugia una radice piuttosto grande di rifano e versa 200 ml di aceto di vino bianco. Lascia il composto a macerare per 24 ore, e poi filtralo. Utilizza così la lozione ottenuta come se fosse un tonico, cioè tamponata sul viso con un dischetto di cotone. Ma se ti è più comodo, puoi usare direttamente le dita, evitando poi di sciacquarti il viso. Anche a questa soluzione si può ricorrere tutti i giorni.

Le macchie del viso sono l’esito di cicatrici da acne? Molto probabilmente sono rosa o rosse. Un rimedio naturale è costituito dall’olio di rosa mosqueta. Contiene vitamina E che nutre la pelle, aiutandola a rigenerarla, quindi a formare nuovo tessuto epidermico. La Vitamina K, invece, migliora la microcircolazione sanguigna, il che in ultima analisi fa sì che la pelle abbia un aspetto più chiaro. Infine, l’acido linoleico, un Omega-6 presente in quantità nell’olio di rosa mosqueta, ha un’azione antinfiammatoria della pelle, contribuendo a prevenire le macchie da acne. Usalo come trattamento quotidiano da notte.

Schiarire le macchie del viso con il bicarbonato, attenzione!

Un po’ come per i denti, il bicarbonato aiuta a “sbiancare” la pelle macchiata. Il motivo? Funge da esfoliante naturale che elimina le cellule morte. Usalo mescolato a un po’ di acqua tiepida, fino a ottenere una pastella morbida ma abbastanza granulosa. Applicala sulla macchia del viso, massaggia delicatamente, cercando di non strofinare con energia. Lascia in posa per circa 15 minuti, come se fosse una maschera. Sciacqua il viso, e applica una crema idratante con filtro solare protettivo SPF. Per evitare irritazioni, ricorri al metodo del bicarbonato solo 2 volte alla settimana.

L’acqua ossigenata per le macchie del viso

Il potere schiarente dell’acqua ossigenata dipende dal contenuto di perossido di idrogeno (alcuni dentisti lo usano come trattamento sbiancante alla poltrona). A casa, invece, la si usa per disinfettare le ferite. E se per caso una goccia di acqua ossigenata va a finire sui capelli, la schiarisce di un giallo poco simpatico! Come usarlo per schiarire le macchie del viso? Quando si vuole eliminare le macchie meglio evitare questo tipo di soluzioni, potrebbero rivelarsi molto aggressive per la pelle e fare più danni che altro.

Schiarire le macchie del viso: cos’altro fare

Come abbiamo premesso all’inizio, i rimedi naturali contro le macchie solari sono solo dei “palliativi” a cui ricorrere in caso di problematiche lievi. Cioè quando le macchie sono poco estese e hanno un colore beige o marroncino. Se invece sono caffè latte, decisamente scure o marroni, è meglio rivolgersi al dermatologo, che prescriverà una terapia adeguata.

Questi rimedi naturali possono affiancare le creme antimacchia, ma solo come “booster” una volta ogni tanto, giusto per dare più energia alla beauty routine schiarente. In ogni caso, prima di aggiungere il fai-da-te, è bene verificare che gli eventuali prodotti antimacchia da farmacia, profumeria o erboristeria non contengano acidi esfolianti o altri ingredienti potenzialmente irritanti. Il mix di bicarbonato, limone, acqua ossigenata e principi attivi schiarenti cosmetici potrebbe seriamente irritare la pelle, ed esporla a un rischio fotosensibilizzante. In altri termini, per difendersi dall’eccesso di sbiancanti, la pelle potrebbe scatenare una reazione infiammatoria che esiterebbe in ulteriori macchie. Come dire, anziché risolvere il problema, si tornerebbe al punto di prima. Peggiorato.

Infine, su tutto, vale sempre il principio del buon senso, cioè non strofinare la pelle macchiata come se fosse un tessuto di cotone da cui togliere una macchia di vino! E poi ricorrere sempre alla protezione solare, anche se piove o si è davanti al pc: è proprio il concetto di luce – che sia blu da schermi digitali o solare – a rallentare il processo di “guarigione” dalle macchie. Che prima o poi arriva.

VEDI ANCHE

Protezione solare da città: i prodotti giusti e le risposte ai dubbi più comuni

Beauty

Protezione solare da città: i prodotti giusti e le risposte ai dubbi più comuni

Riproduzione riservata