Capelli

Pixie cut: cos’è, come sceglierlo e le star che lo hanno indossato

19-07-2022
Michela Marra
Ami i capelli corti (anzi cortissimi)? Il pixie cut è il taglio che fa per te. Simbolo di emancipazione femminile, è tra i più gettonati fra le star. Ecco gli hair style a cui ispirarsi!

Nato negli anni Venti e sfoggiato dalle flapper girls come simbolo della loro voglia di unconventional, il pixie cut era il classico taglio à la garçonne corto, sleek e molto ordinato. Bisognerà aspettare i decenni successivi per vederlo trasformato in statement cut nelle pellicole di Hollywood: da Audrey Hepburn che in “Vacanze romane” sfoggiò un grazioso taglio corto da vera principessa fino agli anni Sessanta quando Mia Farrow, con il suo corto versatilissimo, lanciò il pixie cut in maniera definitiva sdoganando anche il suo côté più “rivoluzionario”. Il suo era il taglio “a cinque punte” realizzato da Vidal Sassoon che con questa sua idea di hair cut rivoluzionò la storia dei tagli di capelli corti. Oggi, invece, il pixie cut è preferito in una forma più naturale e mossa, soprattutto perché più facile da gestire rispetto alle prime proposte uscite dalla mano del famoso hairstylist londinese. Anche lo styling dello short pixie cut diventa più “accessibile”: puoi usare il phon e pettinare i capelli con le mani, al massimo utilizzando la spazzola per dare una forma più composta al ciuffo. Vuoi saperne di più? Continua a leggere l'articolo e scegli tra i tanti look più cool visti sui red carpet!

Pixie cut: cosa significa

VEDI ANCHE

Capelli rasati: perché scegliere il taglio estremo, come gestirlo e le inspo dalle star

Beauty

Capelli rasati: perché scegliere il taglio estremo, come gestirlo e le inspo dalle star

La traduzione letterale è “taglio da folletto” perché, almeno nelle prime intenzioni, era ispirato a questo immaginario quasi fiabesco con un finish sbarazzino, non ordinatissimo e, ovviamente, cortissimo. Potremmo definirlo con un bob super short, con le zone laterali prossime alla rasatura, nuca scoperta e parte anteriore con lunghezza variabile. Il pixie, infatti, si accompagna a ciuffi (anche over) e frange di ogni tipo. In più, si presta a essere realizzato su capelli lisci, mossi e ricci: ecco perché risulta molto pratico. Ogni stagione propone le sue versioni (e ogni hair look va studiato in base alla forma del viso). Nel prossimo paragrafo qualche regola utile da seguire per scegliere il taglio giusto per te!

Taglio pixie cut: a chi sta bene?

A tutte. Scegliendo la forma di taglio in armonia come il proprio viso. Il pixie è un haircut versatile ed è ideale sia su capelli lisci sia su capelli mossi o ricci, su volti lunghi, irregolari o tondi che, tramite le scalature, risulteranno sfinati.

Tagli capelli cortissimi: come sceglierli

Se hai un viso molto lungo o dai lineamenti piuttosto marcati, abbina il pixie cut a frange sfilate o a maxi ciuffi per coprire in parte o del tutto la fronte. In questo caso ciò che va evitata è la perfetta simmetria. Il pixie cut asimmetrico, se studiato ad arte sui lineamenti della persona, può rendere il viso lungo più armonioso. Hai, invece, un viso tondo? Meglio sfoltire la parte posteriore e creare dei volumi in quella anteriore. Promosso a pieni voti il ciuffo (preferiscilo alla frangia), da portare rigorosamente di lato (trend alert: è tornato il ciuffo over da lavorare con gel o lacche fissanti!). Se hai un viso quadrato, cerca di alleggerire il taglio lasciando le lunghezze sul collo (come per il taglio mullet), in modo da valorizzare al meglio i tuoi lineamenti. In cerca di ispirazione? Ecco alcune delle più belle proposte delle nuove collezioni firmate dai migliori Saloni e alcune tipologie di pixie cut fra cui scegliere.

I pixie formati dai migliori hairsylist

Framesi
1/9
Wella
2/9
Toni&Guy
3/9
Jean Louis David
4/9
Wella
5/9
Jean Louis David
6/9
Cotril
7/9
Framesi
8/9
Framesi
9/9
PREV
NEXT

Long pixie haircut: il corto “lungo”

Una versione molto facile da gestire è il pixie cut con i capelli che arrivano fino ai lobi delle orecchie. Permette di modellare il taglio in modi diversi: liscio, mosso, con ciuffi over o lisci fissati con gel o cere, è il taglio pixie scalato più simile al bob corto in quanto a lunghezza. Ideale per ogni forma di viso, è pensato per chi non ama gli hair cut “estremi”.

Pixie cut medio

Una via di mezzo tra il lungo e very short: è il taglio per chi vuole un corto più classico ma sempre modellabile per acconciature ogni volta diverse.

Pixie cut spettinato e mosso

Il pixie è un taglio da provare, se hai i capelli mossi o ricci perché rende le chiome ancora più facili da modellare lavorando sui volumi. Ecco perché è spesso consigliato a chi ha i capelli fini. Al look wavy, consigliamo di abbinare una ciuffo, ma anche una frangia corta può avere il suo perché (va sempre studiata, però, con l'hairstylist in base alla forma del viso).

Pixie cut asimmetrico

Il taglio per chi ha il viso lungo ma anche per chi non ama le simmetrie: ciuffo più lungo o frangia bombata e il gioco è fatto.

Pixie cut texturizzato

Lo styling consigliato a chi vuole aggiungere volume oppure ha i capelli fini. Basta asciugare le punte con movimenti leggeri, a torchon su se stesse e multidirezionali: il risultato sarà fresco e “ruvido” quanto basta.

Pixie effetto bagnato

Ecco un altro tipo di hair look molto glam e vintage. Per realizzarlo, basta pettinare bene i capelli e applicare il gel con un pettine a denti larghi.

Come fare i capelli tirati indietro

Se vuoi tirare le chiome verso la parte posteriore, aggiungi un fissante per capelli alla lista dei prodotti must have. In base anche al tipo di capelli e all'effetto ricercato, puoi applicare delle forcine (invisibili o, al contrario, in evidenza) per creare un flat look personalizzato.

Come asciugare un taglio pixie

Uno dei problemi più grossi, quando si ha una capello molto corto, è riuscire ad asciugarlo senza creare un look troppo voluminoso o, al contrario, piatto. Se vuoi dare corpo alle chiome, usa un phon a temperatura media facendo dei piccoli massaggi sulle radici. Vuoi il massimo volume? Prova ad asciugare i capelli a testa bassa. E, se invece, anche sul corto desideri l'effetto super liscio, utilizza una piastra corta che permette di lavorare le lunghezze fin nei dettagli.

Come gestire al meglio i capelli corti

Per ottenere il meglio dal tuo taglio corto, c'è bisogno di rimettere ordine fra i prodotti per lo styling. Innanzitutto, occhio alla quantità. Capelli meno lunghi hanno bisogno di meno prodotto (come conditioner e sieri) per evitare di appesantire le lunghezze e farle sembrare subito sporche. Applica cere, gel o prodotti texturizzanti solo sulle punte. Capitolo lavaggio: con i capelli corti la frequenza aumenta perché tendono a sporcarsi più velocemente (soprattutto se vivi in città). La cute, in particolare, è più esposta. E, a differenza di quando avevi i capelli lunghi, non puoi legarli. Non c'è altra soluzione: lavali più spesso preferendo prodotti delicati pensati proprio per lavaggi frequenti. Infine, ricordati di prendere regolarmente appuntamento dal parrucchiere. I tagli cortissimi come il pixie, infatti, hanno bisogno di una manutenzione regolare nel tempo. No panic: basta fissare un appuntamento circa una volta al mese. Sempre meglio che andare dal dentista!

Styling pixie cut: i prodotti must (e come domare il capello corto ed evitare l'effetto crespo)

Per quanto riguarda, infine, i prodotti di styling, il pixie cut necessita di formule elasticizzanti. Il prodotto “mai più senza” è ovviamente un leave-in conditioner. Se il problema è, invece, domare il pixie cut, il gel può essere d'aiuto. Vuoi aggiungere volume e texture? Applica uno spray texturizzante o usa una pasta modellante sulle singole ciocche per creare un hair look messy. Infine, per evitare l'effetto crespo, oltre a usare un balsamo ad hoc e una maschera nutriente, conviene aggiungere all'hair routine anche un siero che sigilla le cuticole. Per fare in modo che i capelli non si gonfiano con l'umidità, usa il siero sui capelli umidi evitando le radici. Se le tue chiome sono spesse, secche o decolorate, puoi usare una crema.

Ti abbiamo convinta a provare il pixie cut? Ecco una carrellata di star che lo hanno indossato in maniera impeccabile!

I pixie delle star

GettyImages
1/7
GettyImages
2/7
GettyImages
3/7
GettyImages
4/7
GettyImages
5/7
GettyImages
6/7
GettyImages
7/7
PREV
NEXT

Pixie cut: cosa fare se poi mi pento?

Può succedere e non è un dramma. Per evitarlo, però, il trucchetto è procedere in maniera graduale accorciando un po' alla volta. Se, per esempio, si parte da un capello lungo – in questo caso il cambio di look è davvero radicale – meglio passare attraverso un long bob, poi un caschetto corto, infine il pixie cut. Ma il trick per capire se davvero potresti essere soddisfatta di questo hair style è provare a tenere i capelli legati per un po': d'altra parte il taglio corto nasce per lasciare scoperta la nuca e il volto. Fai questi test per andare sul sicuro!

Riproduzione riservata