Capelli

Tagli medio-lunghi: la tendenza è il Clavicut, il caschetto alla clavicola

clavicut-taglio-medio
Una nuova lunghezza sembra pronta a farci dimenticare il fascino del classico bob: si chiama Clavicut ed è il taglio irresistibile che accarezza le clavicole. L’effetto finale è un hairstyle versatile, che sta bene davvero a tutte e da valorizzare con diverse texture, ciuffo o frangia. 

Possiede l’eleganza del caschetto, la sensualità dei capelli lunghi e la praticità di un taglio medio: il Clavicut è praticamente perfetto. Potremmo, forse, considerarlo come l’ennesima variante del bob, ma in versione più lunga. Il Clavicut, infatti, non è altro che un caschetto alla clavicola, l’ideale per valorizzare ogni tipo di capello. Oltre che la base perfetta per arricchire la capigliatura con un ciuffo, una frangia o qualche scalatura decisa. Un taglio che è piaciuto a tante star nel corso degli anni. Gwyneth Paltrow, ad esempio, l’ha provato negli anni 2000, mentre Karlie Kloss l’ha reso il suo signature cut nel 2019. Il Clavicut, però, ha conquistato anche Kate Middleton, Gal Gadot, Julia Roberts e Taylor Swift. Un taglio elegante e facile da portare, adatto a tutte le stagioni e perfetto per cambi look soft e mai troppo drastici. 

Clavicut: le caratteristiche del taglio 

L’identikit del perfetto Clavicut è semplice: il taglio deve seguire la silhouette del collo. Il risultato è uno stile pulito, mosso unicamente da qualche qualche scalatura laterale. Un dettaglio che rende il Clavicut un taglio leggero e facile da personalizzare. Come? Semplicemente, aggiungendo una frangia. In questo caso, l’ideale è scegliere una frangetta sbarazzina, che possa armonizzarsi con lo stile messy e leggermente spettinato di questo taglio alle spalle. Un elemento da accostare a qualsiasi piega. Il Clavicut, infatti, sta bene sia sui capelli lisci, che in abbinamento al mosso. 

Tutti i motivi per provare il caschetto alla clavicola

La versatilità è il vantaggio principale del Clavicut. Questo tipo di taglio, infatti, permette di esaltare la natura stessa della chioma, valorizzando capelli lisci e ricci. Perché preferirlo al caschetto classico? In primis, il Clavicut non deve essere strutturato (troppo) in base ai lineamenti. In secondo luogo, non teme umidità, vento o elettrostaticitá, rimanendo sempre disciplinato.

A chi sta bene il Clavicut? 

La risposta è semplice: il Clavicut sta bene a tutti. Grazie al suo perimetro allungato, infatti, il taglio è perfetto per slanciare la figura e non appesantire la forma del viso. Ecco perché il caschetto alla clavicola sta benissimo sui volti tondi, quanto su quelli squadrati. Dovranno fare più attenzione, invece, i visi oblunghi, che dovranno riequilibrare leggermente il taglio con una frangia o con scalature strategiche. Le stesse da provare per valorizzare i capelli sottili. 

Riproduzione riservata