Unghie

Dry Manicure: cos’è e in cosa consiste la tecnica della manicure a secco

dry-manicure-cos-è
Potremmo definirla una nail art a secco. E, in effetti, nella dry manicure l’unica protagonista è la fresa, che consente di trattare l’unghia evitando che venga immersa nell’acqua. Una tecnica nota anche come manicure russa, che regala mani curate e perfette.

Nata in Russia, ma ormai diffusa in tutto il mondo, la Dry Manicure ribalta uno dei principi cardine della nail art: per eliminare le cuticole, infatti, non viene in alcun modo inumidita la pelle.

Il vantaggio della manicure a secco? Apparentemente, sarebbe in grado di far durare lo smalto più a lungo, specialmente quello semipermanente. Essendo porosa, infatti, l’unghia tende ad assorbire l’acqua e aumentare di volume. Eliminata questa fase, il letto ungueale sembra risulti più pronto per smalto e ricostruzioni. D’altra parte, gli estimatori della manicure classica ritengono che eliminare le cuticole a secco sia troppo aggressivo e possa stressare eccessivamente l’unghia.

Curiosa di provarla, almeno una volta? Ecco la guida passo passo per come fare la Dry Manicure a casa da sola. 

VEDI ANCHE Sticker unghie: la manicure è facile e cool con gli adesivi! BeautySticker unghie: la manicure è facile e cool con gli adesivi!

Manicure russa: cosa serve per realizzarla? 

Pur non essendo costituta da passaggi molto articolati, la Dry Manicure ha bisogno di una strumentazione molto precisa, che possa garantire l’effetto “a secco”. I principali strumenti sono: 

  • Forbicine
  • Bastoncino d’arancio
  • Lime di varia dimensione
  • Fresa con diverse punte

Rispetto alla classica manicure, la protagonista dell’effetto dry è la fresa, uno strumento spesso utilizzato nella rimozione dello smalto semipermanente. In questo caso, però, lo scopo dell’uso della fresa è livellare l’unghia.

Come fare la perfetta Dry Manicure: il tutorial

Ovviamente, il primo passaggio della Dry Manicure non può che essere la rimozione del vecchio smalto. In questo caso, puoi procedere utilizzando già la fresa, purché con grande attenzione, o utilizzare semplicemente un discetto di cotone imbevuto di solvente.

A questo punto, non ti resta che dare forma alla manicure, dando alle unghie la forma che desideri, eliminando le cuticole con il classico bastoncino di legno d’arancio e levigandole e lucidandole con il buffer. L’alternativa? Utilizzare la fresa.  

dry-manicure-tecnica-russa

Come si usa la fresa nella manicure a secco

Non si tratta di uno strumento facile da padroneggiare. Ecco perché la soluzione migliore è sempre affidarsi a un centro specializzato con onicotecniche che sappiano davvero trattare le tue unghie.

Se ti senti coraggiosa e vuoi provare a usare la fresa a casa da sola, però, inizia prendendo confidenza con lo strumento, considerando che è molto abrasivo e potrebbe danneggiare l’unghia. Probabilmente, la punta a candela è la più semplice e intuitiva da utilizzare: grazie alla punta sottile, infatti, permette di sfiorare le cuticole senza alzarle. Per eliminarle, infatti, dovrai affidarti alla punta a pietra, che ti permetterà di sollevarle e - successivamente - tagliarle.

Gli ultimi passaggi della Dry Manicure si effettuano con la punta sferica e la punta stone sfera: con la prima, infatti, si potrà ripulire, lisciare rifinire la zona delle cuticole, mentre con la seconda dovrai procedere alla lucidatura dell’unghia. 

A questo punto, non ti resta che procedere con l’applicazione dello smalto e, successivamente, con un bel massaggio con olio per cuticole e crema idratante. 

Riproduzione riservata