Profumi

Profumi al muschio: tutto quello che devi sapere

Stiamo per raccontarti tutto quello che c’è da sapere sulla materia prima più animalesca della profumeria.

Ci sono fragranze verso le quali proviamo un’attrazione inspiegabile e molti hanno questa reazione nei confronti dei profumi al muschio. Una spiegazione in realtà c’è ed è il motivo per cui li abbiamo definiti animaleschi. Questo è il muschio che deriva dal cervo muschiato e dalle secrezioni afrodisiache che questi animali producono per ammaliare le femmine. L’attrazione verso muschio è quindi un istinto primitivo, primordiale verso una fragranza naturalmente sensuale.

In antichità il muschio era una materia prima pregiata che si sentiva solo addosso a ricchi e nobili ed era apprezzato in tutto il mondo, da Oriente a Occidente, anche per le virtù leggendarie di cui era stato investito. A fronte di una domanda sempre crescente, la produzione di muschio era diventata un’attività redditizia, ma nel 1979 furono prese misure che vietavano la caccia al cervo muschiato per proteggere la specie. Ci sono stati tentativi di allevamento di cervi muschiati per estrarre le ghiandole da vivi, ma la secrezione si è fermata in cattività.

VEDI ANCHE Il galateo del profumo BeautyIl galateo del profumo

Il muschio bianco nei profumi

Il muschio bianco non esiste in natura. Già dalla fine del 1800 numerosi ricercatori hanno cercato di riprodurre sinteticamente le note di muschio che però non evocavano l’aspetto animale, piuttosto davano una sensazione di pulito.

“Quando si vuole parlare di musk o muschi bianchi, si intendono delle molecole di sintesi”, spiega Eleonora Calavalle, co-founder Officina Parfum. “Il loro odore è ben diverso da quello del muschio di quercia, che è invece una materia prima naturale con sfaccettature legnose”.

Il muschio animale oggi

“I muschi nascono alla fine dell’800 con la scoperta della molecola chiamata muscone, isolata dal muschio animale estratto da alcune ghiandole del muschio tonchino - detto anche cervo porta muschio - e riprodotta sinteticamente”, racconta Calavalle.

Il muschio nei profumi: musk e muschio

“Le note di muschio sono molto simili tra di loro, ma possono assumere sfumature fruttate differenti a seconda dell’azienda produttrice. Per esempio la galaxolide di IFF ha una sfumatura mora in più rispetto alla pulita helvetolide di Firmenich”.

“In generale, le note musk vengono utilizzate per fissare e omogeneizzare tutte le altre note della piramide: sono note morbide che arrotondano la composizione”.

Profumi al muschio da donna e da uomo

“Grazie alle loro proprietà fissative i muschi vengono ampiamente impiegati e sono presenti in circa l’80% delle fragranze sul mercato”.

Curiosità sul muschio

Negli ultimi tempi la tendenza ha visto la nascita di svariati profumi-non-profumi che esaltano l’odore naturale di chi li indossa o che fungono da primer per la fragranza che verrà vaporizzata successivamente. “Tuttavia in molti casi si parla di anosmia, perché queste note non sono in grado di essere percepite da tutti, probabilmente perché sono molecole di sintesi”.

1/14
White Musk,The Body Shop
2/14
Musk by Alyssa Ashley
3/14
Petit Ange Eau de Cologne, Nicolaï
4/14
Impérial Poudré, Jeanne Rigaud
5/14
She Was an Anomaly, Etat Libre d’Orange
6/14
Memoir d’une Odeur, Gucci
7/14
Pure Musc, Narciso Rodriguez
8/14
L’Art & La Matière Eau de Lit, Guerlain
9/14
Musc, Acampora
10/14
Musc Ravageur, Frederic Malle
11/14
White Musk, Montale
12/14
Fleur de Peau, Diptyque
13/14
Musc Invisible, Juliette Has a Gun
14/14
Musk Tonkin, Parfum d’Empire
PREV
NEXT
Riproduzione riservata