Capelli

Caschetto riccio: pro e contro prima di sceglierlo

caschetto-riccio-pro-contro
Scegliere di tagliare i capelli, specie quando sono ricci, è una decisione davvero importante. Ecco perché è bene valutare tutti gli aspetti positivi - e negativi - di un taglio a caschetto. Dallo styling alla forma del viso, i fattori da considerare sono tanti: un'analisi attenta, però, renderà il risultato perfetto.

L'era dei capelli piastrati è ufficialmente finita: i capelli ricci sono di tendenza e bellissimi e si abbinano a qualsiasi taglio, anche il caschetto riccio. In fondo, per ogni tipo di boccolo esiste lo stile giusto e tutto ciò che occorre fare è valutare attentamente quale tipo di caschetto scegliere per valorizzare la forma del viso e quali cure sono necessarie per mantenere il taglio riccio perfetto. Il segreto è abbracciare la naturalezza dei capelli e assecondarne volume e movimento, scegliendo con consapevolezza gli effetti del taglio. Un caschetto corto e riccio, ad esempio, concentrerà il volume verso le radici, mentre un lob renderà la chioma leggermente più pensate, allungando la silhouette del taglio. Quando si tratta di capelli ricci, infatti, è bene considerare gli effetti del crespo sul taglio e, soprattutto, la necessità di seguire una routine di asciugatura impeccabile.

Caschetto riccio: a chi sta bene?

Il caschetto è un taglio di capelli estremamente versatile, facilissimo da adattare anche ai ricci. A variare, ovviamente, dovrà essere la lunghezza del bob. Corto all'altezza del mento, ad esempio, donerà moltissimo ai visi ovali o allungati, mentre portato più lungo - anche fino alla clavicola - diventerà il taglio ideale per un volto tondo. Un elemento fondamentale da considerare sono le scalature. Aggiungere qualche layers al caschetto riccio, infatti, lo renderà ancora più sbarazzino e movimentato, ma potrà rendere il bob più voluminoso e difficile da gestire. L'alternativa? Optare per un caschetto pari, ma senza creare forme eccessivamente spigolose. Questo tipo di taglio, infatti, è ideale per addolcire il viso, rendendo i lineamenti femminili e aggraziati.

Come scegliere il taglio giusto?

Prima di scegliere il caschetto riccio bisogna considerare tutti gli elementi che comporranno il taglio. In primis, quando si tratta di boccoli è importante che il taglio venga fatto mentre i capelli sono asciutti per poter controllare il risultato. Secondariamente, la buona riuscita del taglio a caschetto dipende anche dall'abbinamento con la tinta. Un'idea, ad esempio, potrebbe essere quella di lasciare le radici più scure per dare maggior profondità alla chioma e, successivamente, schiarire le lunghezze. Per personalizzare ulteriormente il taglio, poi, basterà aggiungere un ciuffo o una frangia.

Come prendersi cura del caschetto riccio

L'elemento più importante per un taglio riccio con caschetto è mantenere la chioma in perfetta salute, in modo che i ricci risultino sempre ben idratati ed elastici. Oltre a shampoo e balsamo specifici, l'ideale è affidarsi a mousse e olio, alleati fondamentali per mantenere la chioma nutrita e i riccioli definiti. In particolare, è importante utilizzare questi prodotti nei giorni successivi al lavaggio per assicurarsi che i capelli risultino sempre brillanti. Attenzione anche all'asciugatura: oltre al diffusore, infatti, una tecnica da considerare è quella del plopping, con cui eliminare l'umidità dai capelli senza seccarli. Ovviamente, i capelli ricci a caschetto non devono mai essere toccati o spazzolati da asciutti: l'ideale, infatti, è lasciare che sia l'aria del phon a dare volume alla chioma e a mandarla nella direzione giusta. L'aggiunta di un prodotto nutriente renderà il taglio davvero perfetto.

Riproduzione riservata