Viso e corpo

Quali sono gli standard di bellezza nel mondo?

standard bellezza

Alla difficile domanda ha tentato di rispondere una fotografa con un reportage nei 5 continenti

Instagram - Mihaela Noroc
1/31

Già sei secoli fa Leonardo intuiva che la bellezza consiste in un perfetto equilibrio di proporzioni tra i lineamenti del volto. Successivamente si è arrivati a discernere che non esiste un un ideale estetico universale, ma che dipende dalla cultura, dalle epoche e persino dalle mode.
Attraverso un emozionante fotoreportage di ritratti, la fotografa Mihaela Noroc dimostra come la bellezza ovunque, esprimendo con immagini la teoria del pittore rinascimentale.

Instagram - Mihaela Noroc
2/31

Islanda

Instagram - Mihaela Noroc
3/31

Sudafrica

Instagram - Mihaela Noroc
4/31

Inghilterra

Instagram - Mihaela Noroc
5/31

Georgia

Instagram - Mihaela Noroc
6/31

Turchia

Instagram - Mihaela Noroc
7/31

Egitto

Instagram - Mihaela Noroc
8/31

Tibet

Instagram - Mihaela Noroc
9/31

Mongolia

Instagram - Mihaela Noroc
10/31

Cina

Instagram - Mihaela Noroc
11/31

Moldavia

Instagram - Mihaela Noroc
12/31

India

Instagram - Mihaela Noroc
13/31

Instagram - Mihaela Noroc

Instagram - Mihaela Noroc
14/31

Etiopia

Instagram - Mihaela Noroc
15/31

Perù

Instagram - Mihaela Noroc
16/31
Instagram - Mihaela Noroc
17/31
Instagram - Mihaela Noroc
18/31

Indonesia

Instagram - Mihaela Noroc
19/31
Instagram - Mihaela Noroc
20/31

Russia

21/31
Instagram - Mihaela Noroc
22/31

Nuova Zelanda

Instagram - Mihaela Noroc
23/31

Svezia

Instagram - Mihaela Noroc
24/31

San Francisco (USA)

Instagram - Mihaela Noroc
25/31

Grecia

Instagram - Mihaela Noroc
26/31

Finlandia

Instagram - Mihaela Noroc
27/31

Equador

Instagram - Mihaela Noroc
28/31

Iran

Instagram - Mihaela Noroc
29/31

Corea del Nord

Instagram - Mihaela Noroc
30/31

Bulgaria

Instagram - Mihaela Noroc
31/31

Romania

PREV
NEXT

Un viaggio alla scoperta della bellezza nel mondo: è l'idea "iconografica" della fotografa Mihaela Noroc. Zaino in spalla, udget low cost e macchina fotografica appesa al collo, l'artista trentenne ha immortalato più di 100 donne nei cinque continenti. L'obiettivo? Quello di creare un atlante della bellezza per dimostrare che «la diversità estetica prescinde da una reale decodificazione, va al di là di stili, mode e costumi e soprattutto si concretizza come si può, anche con poco o niente».

Si potrebbe discutere per ore a proposito dei canoni estetici universali che impongono diktat standardizzati per ogni Paese, ma in realtà niente parla come le fotografie di donne reali che vivono la vita di tutti i giorni. Le foto sono state scattate nel reale ambiente di nascita delle donne, senza troppi filtri e costruzioni. Lo sfondo registra la cultura di provenienza, mostrando un accordo perfetto tra il ritratto e il paesaggio.

«Ora posso dire che la bellezza è ovunque e non è una questione né di cosmetici né di taglie. Alla fine la bellezza è negli occhi di chi guarda, e chi guarda è sempre qualcun altro, una persona diversa da te. Tanto vale digerirlo». Un gesto nobile contro ogni complesso sul proprio aspetto, vero?

Riproduzione riservata