Trucco

Il reverse cut crease è lo stile di make up che devi assolutamente conoscere

trucco occhi
28-04-2022
Alessia Ferri
Rivisitazione di un classico anni Settanta, il reverse cut crease inverte le regole del make-up occhi con un risultato stupefacente

Il make-up può essere considerato a tutti gli effetti una forma d’arte e come tale ha in sé quasi l’obbligo della sperimentazione. Proprio per questo sono sempre tantissime le tendenze che si susseguono, alcune nuove, altre rivisitazioni più o meno fedeli di cose già avvistate alcuni anni prima. Fa parte di questo secondo gruppo una tecnica da applicare sugli occhi che promette di rendere lo sguardo profondissimo: il reverse cut crease.

Da dove trae origine il reverse cut crease

Come dice la parola stessa, il reverse cut crease non è altro che l’inversione di uno stile già esistente, il cut crease, letteralmente piega tagliata, che consiste nel tracciare una linea definita nella piega dell’occhio con una matita o un ombretto scuro, in modo da dividere la palpebra mobile da quella fissa.

Si tratta di una tecnica che prevede la stesura dei prodotti in modo molto definito e che dona una profondità statica allo sguardo, in assoluta antitesi a tutto ciò che ha dominato la scena in questi anni a colpi di sfumature come smokey eyes o halo make up.

La prima volta è stata avvistata negli anni Sessanta, per poi diventare un must have nella decade successiva, anche perché a sfoggiarla spesso è stata la modella Twiggy, che usava un ombretto bianco per la palpebra mobile ed era solita tracciare una linea nera o grigio fumo a contrasto.

Oggi questa prima versione è stata scalzata dalla sua evoluzione e il cut crease si è trasformato in reverse cut crease.

Come si realizza il reverse cut crease

A riportare in auge questo modo di truccare gli occhi, capovolgendolo, è stata la make up artist britannica Ana Takahashi, che prendendo ispirazione dall’originale ha iniziato a realizzare beauty look basati su spettacolari giochi di ombre e colori.

La tecnica base rimane la stessa e prevede sempre la realizzazione di una linea precisa che taglia in due la palpebra, ma i chiaroscuri risultano invertiti rispetto all’originale.

Dopo averla tracciata, infatti, devi stendere un ombretto scuro nell’incavo sfumandolo verso la palpebra fissa, e uno chiaro su quella mobile.

Crea poi un’ombra più chiara vicino all’osso sopraccigliare e un punto luce all’angolo interno dell’occhio e sopra l’incavo.

Il reverse cut cruise si presta a mille interpretazioni di colore quindi, anche tenendo conto della bella stagione finalmente arrivata, non aver paura di osare.

Riproduzione riservata