News

Tutte le declinazioni beauty del Peach Fuzz, il colore Pantone del 2024

Diventato un appuntamento fisso, l'annuncio del nuovo Colore dell'Anno è arrivato e ha per protagonista una tonalità di pesca delicata e armoniosa, perfetta per i beauty look che verranno

Come ormai accade ogni dicembre, il Pantone Colour Institute non ha tardato ad annunciare quale sarà il colore che dominerà le tendenze del 2024. E se nel 2023 ad aver regnato indomito è stato il Viva Magenta e, in generale, tutte le sfumature di rosso piene e vibranti, per l’anno ormai alle porte l’istituzione di riferimento per chiunque si muova nel mondo dell’arte ha optato per un colore decisamente più tenue, delicato e sognante: il Pantone Peach Fuzz 13-1023. Si tratta di una tonalità di pesca “morbidamente incastonata tra il rosa e l’arancione” pensata per trasmettere gentilezza e tenerezza, e veicolare un messaggio di vicinanza, condivisione e comunità. Come racconta il direttore esecutivo del Pantone Colour Institute, Leatrice Eiseman, l’obiettivo era quello di creare un colore che fosse tanto armonioso, poetico e vintage quanto tattile, caldo e moderno.

Proprio come un soffione, il Peach Fuzz si rivela profondo e leggero allo stesso tempo, invocando un senso di pace e di calma in un periodo storico che si muove in direzione opposta. “Il colore che abbiamo scelto come Colore Pantone dell’Anno 2024 doveva esprimere il nostro desiderio di stare vicino a chi amiamo e la gioia che proviamo quando ci permettiamo di sintonizzarci con chi siamo e di assaporare un momento di tranquillità da soli. Doveva essere un colore il cui abbraccio caldo e accogliente trasmettesse un messaggio di compassione ed empatia. Un colore che nutrisse e la cui sensibilità accogliente avvicinasse le persone e suscitasse una sensazione di tattilità”, spiega l’Istituto.

Il Peach Fuzz nel mondo del beauty

Sul sito del Pantone Colour Institute, le linee guida sull’uso del colore sono limitate al suo accostamento nel mondo del design, in tutte le sue sfaccettature. Eppure, non c’è Colore dell’Anno che non abbia influenzato nel tempo anche il susseguirsi delle tendenze moda e beauty, com’è successo nel 2022 con il Very Peri o quest’anno con il Viva Magenta. A ben guardare, un’anticipazione su quelle che saranno le principali declinazioni del Peach Fuzz nell’settore della bellezza arriva direttamente dalle passerelle dedicate alle collezioni Primavera Estate 2024. Qui, infatti, sono molteplici i beauty look ad avere il pesca delicato scelto come Colour of the Year da Pantone.

Gli ombretti color Pantone 2024

Protagonisti assoluti gli ombretti color pesca, usati per incastonare lo sguardo sia lungo la rima cigliare superiore che lungo quella inferiore attraverso aloni attentamente sfumati ma ricchi di pigmento. In particolare, l’ombretto color pesca è ampiamente usato per esaltare gli occhi azzurri oppure per scaltare gli incarnati più pallidi. E se, da una parte, maison come Blumarine e Ulla Johnson hanno optato per ombretti in polvere luminosi, Prada ha svelato un’interpretazione inedita del make-up, abbinando il pigmento pescato a un finish lucido effetto bagnato.

I rossetti color Pantone 2024

Anche le labbra della Primavera Estate 2024 virano verso il pesca per ravvivare il loro colore naturale oppure, sugli incarnati più scuri, creare un leggero contrasto perfetto per infondere calore nei make-up della bella stagione.

Il blush color Pantone 2024

Ultimo dettaglio beauty nei toni del pesca è il blush. Essendo il Peach Fuzz una tonalità spiccatamente rosata, a differenza ad esempio dei pesca tendenti all’albicocca e all’ambra, il blush in questa declinazione di colore si rivela particolarmente adatta a esaltare gli incarnati dal sottotono freddo.

I capelli color Pantone 2024

Allo stesso modo, anche i capelli color pesca nella tonalità Pantone Peach Fuzz 13-1023 esaltano gli incarnati dal sottotono freddo, meglio ancora se chiari o diafani. Una scelta audace, che regala al look un checché di deciso ma dolce, proprio come l’essenza stessa della nuance scelta per il 2024.

Riproduzione riservata