Capelli

Tutto quel che c’è da sapere sulla crescita dei capelli e quando conviene tagliarli

Con cicli di vita che alternano fasi di crescita a fasi di arresto e caduta, i capelli hanno bisogno di essere trattati con interventi e tempisimi studiati che gli consentano di allungarsi e rafforzarsi naturalmente

Avere i capelli lunghi, belli e setosi è per molti un obiettivo che si insegue senza sosta attraverso la creazione di rituali in grado di mantenerli nelle migliori delle condizioni possibili. Prodotti e integratori si combinano a abitudini alimentari e gesti di bellezza con l’obiettivo di fornire tutti i nutrienti e le sostanze necessarie alla fibra e struttura capillare di crescere il più possibile forte e sana. Eppure, per quanto si possa avere una routine studiata e completa, il processo di crescita dei capelli è legato a un meccanismo di base che ne scandisce i ritmi di allungamento e di caduta. Un vero e proprio ciclo di vita che, se una parte vede cadere in media 80-100 capelli al giorno, dall’altra li vede acquistare circa 3-4 millimetri quotidianamente.

Come comuni esseri viventi, anche i capelli seguono un percorso in cui inzio e fine vanno di pari passo, alternandosi. Suddiviso in tre fasi, la prima di crescita, la seconda di stallo e la terza di caduta, il ciclo di vita dei capelli ha quindi un impatto fondamentale nel determinare l’aspetto generale della chioma. Ciascun capello si origina durante la Fase Anagen, si ferma nella Fase Catagen e cade nella Fase Telogen, il tutto per una durata complessiva che oscilla tra i 4 e gli 8 anni.

Il ciclo di vita dei capelli

Nella prima fase, che è anche la più lunga in assoluto (2-7 anni), il capello nasce e cresce di circa 1,5 centimetri al mese. A determinare i ritmi di crescita e di durata della Fase Anagen sono il sesso e la genetica di ciascuno. A questa segue la Fase Catagen, detta anche di involuzione poiché nell’arco di poche settimane o mesi i capelli arrestano il loro processo di crescita per raggiungere una situazione di stallo. In questo periodo di vita intermedio, i follicoli cessano la loro attività miotica, il capello perde le sue funzioni vitali e il bulbo si ristringe salendo in superficie.

Nell’ultima fase di vita, detta di riposo, il capello è ancora nel follicolo ma è debole e ormai inattivo e si prepara a cadere e cedere spazio al nuovo nascituro. La durata media della Telogen è di tre mesi.

Quando tagliare i capelli?

Parlando di cicli vitali, è inevitabile fare riferimento all’associazione che viene spesso fatta tra il taglio dei capelli e le fasi lunari. Secondo molte teorie, infatti, tagliare i capelli rispettando il calendario lunare permetterebbe di far ricrescere i capelli più velocemente, ma non vi sono tutt’oggi evidenze scientifiche a riguardo. Altra credenza comune è che se tagliati frequentemente, i capelli ricrescono con maggior celerità, eppure anche qui non vi sono conferme. La realtà è che la crescita dei capelli, e quindi la fase Anagen, dipende direttamente dallo stato di salute del cuoio capelluto, dall’attività dei bulbi piliferi, oltre che da fattori come età, sesso, genetica ed etnia. Il taglio in sé non è determinante nel processo di crescita dei capelli, bensì aiuta a rinvigorire la chioma ed eliminare danni causati da fragilità, secchezza e trattamenti aggressivi.

Il consiglio è quindi di prendersi cura dei capelli al meglio delle proprie possibilità nella vita di tutti i giorni. In questo modo si favorirà il prolungamento della fase di crescita dei capelli nell’arco del loro ciclo di vita. Per quanto riguarda il taglio, invece, la cosa migliore è intervenire periodicamente in funzione del proprio tipo di capelli, del loro stato di salute e del taglio di partenza, ciascuno caratterizzato da un mantenimento diverso, perché possano sempre apparire al meglio.

Riproduzione riservata