Trucco

Quanto durano i trucchi? Le risposte ai dubbi più comuni sono elencate qui

Lunga vita ai trucchi! Sarebbe bello, è vero? Fortunatamente la scadenza di ombretti, mascara e rossetti non è come quella di uno yogurt, ma è meglio non trascurare alcuni segnali. Ecco come sapere quando è il caso di cestinarli

Come potrai intuire, i trucchi non si possono usare all'infinito, anche se il più delle volte vorremmo non scadessero mai. Ma tu sapresti dire quanto durano i trucchi? Sapresti indovinare a colpo d'occhio quando è il caso di cestinare una palette? O quando è meglio non indossare un rossetto? Per fugare ogni dubbio, leggi le righe che seguono.

Quanto durano i trucchi non ancora aperti?

Ipotizziamo che, per quello strano ma comprensibile riguardo verso i nuovi trucchi, tu non abbia ancora usato dei prodotti stupendi comprati tempo fa. Succede a tutti: spesso si ha quasi timore di rovinare le cialde degli ombretti o di deformare un rossetto. Così lasciamo che i nuovi trucchi invecchino nella trousse in attesa di terminare gli altri o che ci arrivi chissà quale ispirazione per inaugurarli. Ecco che ci chiediamo fino a quanto possiamo tenere i trucchi intatti senza aprirli. La risposta è circa 2 anni e mezzo. Il motivo? In genere nella maggior parte dei cosmetici (make-up compreso), è indicato il PAO (Period After Opening), il simbolo col barattolino che indica per quanto tempo puoi usare quel prodotto una volta aperta la confezione.

Per legge, il PAO viene indicato sui prodotti che hanno una durata superiore ai 30 mesi dal momento della fabbricazione: questo vuol dire che i cosmetici mai aperti ha una lunga scadenza. Diversamente, è indicata la clessidra che indica la data di scadenza con mese e anno, come per gli alimenti e i farmaci. Facciamo un esempio: hai in casa una palette datata acquistata nel 2021, ma non l'hai ancora aperta, puoi usarla entro il 2024 (anche se il PAO indica 12 mesi).

Quanto durano i trucchi aperti?

Per sapere per quanto tempo si possono usare i trucchi aperti bisogna osservare il PAO che per legge è stato inserito su tutte le confezioni. Lo riconosci dal simbolo del vasetto aperto seguito da un numero e dalla lettera M in maiuscolo, che sta per mesi. Il PAO indica quanto tempo un cosmetico resta inalterato, dopo l'apertura. Tuttavia, il numero di mesi è da considerarsi come indicativo, in quanto si riferisce al tempo minimo in cui il produttore ti garantisce l'efficacia e la sicurezza di tal prodotto. Ciò vuol dire che si può essere elastici nell'interpretare quel numero, senza ovviamente amplificarlo a dismisura! Molto importante è l'igiene e la cura nella conservazione del prodotto.

Per assicurare una lunga durata a un prodotto di make-up è bene chiudere sempre la confezione, prelevarlo con pennelli puliti, evitare di lasciarlo a contatto con fonti di calore o luci. Inoltre, i trucchi non vanno prestati per evitare il rischio di infezioni, anche se la tua amica è la più igienista del mondo!

Come capire quando buttare i trucchi?

Come abbiamo visto, con le dovute accortezze, si può aspettare a cestinare i trucchi, ma non si può sperare di prolungarne la durata se questi hanno esaurito il loro ciclo di vita. Quali sono i segnali da osservare per capire che un prodotto è scaduto o andato a male? Ti elenchiamo i fondamentali (odore, consistenza, colore) che spieghiamo come segue:

  • odore strano: il cosmetico ha una fragranza diversa dall'originale, sa di stantio o di rancido;
  • consistenza: la texture è cambiata, apparendo più densa, liquida o grumosa (valido soprattutto per i fondotinta o altri trucchi in crema);
  • colore: è alterato o presenta macchie.

Se da una stagione all'altra un prodotto presenta queste caratteristiche buttalo senza problemi! Non solo non avrà la resa di una volta, ma potresti rischiare irritazioni o allergie. E poi non lo tollereresti sulla pelle o sulle labbra: di solito l'odore e il sapore di un trucco scaduto è davvero sgradevole. Prova a pensare cosa può significare portare per una serata un rossetto marcio!

Quanto scadono i singoli trucchi?

Al di là del PAO e della buona conservazione da parte di ognuno, si può stilare una sorta di durata dei trucchi? Ecco alcune indicazioni.

Durata di ombretti, matite e mascara

I trucchi per gli occhi creano i maggiori problemi di igiene a causa delle infezioni che facilmente si sviluppano in questa zona. In particolare, la punta delle matite e l'applicatore del mascara sono un ricettacolo di batteri. Per ridurre al minimo i germi, il mascara dovrebbe essere cambiato ogni 3 mesi.

La matita invece dura finché la mina non si consuma, ma è importante tenere la mina sempre pulita, temperandola regolarmente. Essenziale la funzione del coperchio che non solo garantisce l'igiene delle matite, ma assicura la sua scorrevolezza sulle palpebre.

Gli ombretti in polvere possono durare anni, ma vanno sostituiti se diventano unti o sporchi in superficie, se cambia il colore, se si sgretolano facilmente rendendo difficile l'applicazione o, al contrario, se la polvere si indurisce, diventando troppo compatta.

Durata del fondotinta

I fondotinta hanno in genere una scadenza a lungo termine (circa due anni), dal momento che il prodotto è racchiuso in un tubetto o flacone e non dovrebbe entrare in contatto con i batteri presenti sulla pelle o nell'aria.Se il fondotinta è in vasetto, è meglio usare un cucchiaino per metterlo sul dorso della mano e poi stenderlo: immergervi direttamente le dita diffonderebbe i germi.Anche le ciprie e i fard durano a lungo, ma non i loro applicatori. Spugnette e pennelli assorbono sebo e cellule morte dal viso: cerca di lavarli tutte le settimane.

Durata dei rossetti

Se conservati con cura, i rossetti possono durare fino a due anni. Per mantenerli nelle migliori condizioni igieniche, evita di prestarli alle amiche e asporta la parte superiore, se hai avuto l'herpes, in modo da non diffondere il virus.I gloss durano in genere fino a 6 mesi dall'apertura: la consistenza vischiosa conferisce loro una durata inferiore rispetto a quella dei rossetti solidi. Presta attenzione ai lucidalabbra con gli applicatori, perché, come accade per i mascara, possono trasferire i batteri dal viso al prodotto. Per mantenere l'applicatore il più possibile privo di germi, lavalo ogni settimana.

Cosa succede se si usa un trucco scaduto?

Te lo sarai chiesta mille volte, anche perché costa fatica (e un bel po' di denaro) buttare un fard intonso pagato un occhio della testa. Cosa succede se si usa un trucco vecchio o andato a male? Chiariamo che non c'è una risposta univoca, ma molto dipende da quanto si è alterato. In genere, un prodotto scaduto può scatenare reazioni indesiderate alla pelle, come allergie, irritazioni e rossori. Questo può accadere soprattutto con gli ombretti in polvere che dopo alcuni anni si ossidano diventando potenzialmente molto irritanti.
In altri casi, un prodotto vecchio è spesso contaminato da germi e batteri, nati dal continuo contatto tra pennelli e viso. E quindi può riempire la pelle di impurità. Ecco perché dopo un po' di tempo, se si nota una qualche forma di disagio si deve buttare il prodotto.

Come conservare i trucchi al meglio

Infine, per garantire lunga durata ai tuoi trucchi, ci sono alcune accortezze che potresti adottare. Innanzitutto, è bene evitare di prestare propri prodotti personali. Molto importante a fini igienici è lavare una volta alla settimana tutti gli applicatori e i pennelli con i prodotti appositi. Un prodotto dura di più se conservato lontano da fonti di calore e dalla luce diretta. Lavati sempre le mani prima di applicare i prodotti sul viso. Infine, chiudi bene i coperchi per evitare che germi e polvere entrino in contatto con il prodotto.

Riproduzione riservata