Capelli

Capelli voluminosi: tutti i segreti della piega (e non solo) fai da te

Capelli lisci e sottili che non prendono volume? Ecco i segreti per l'asciugatura che regala una chioma leonina. O quasi

Quante volte ti sei guardata allo specchio sconsolata, maledicendo il tuo DNA che ti ha condannata a capelli fini e senza volume? Benvenuta nel club. Anche se molte invidiano il fatto che i tuoi capelli siano sempre lisci e facilmente domabili e che li puoi asciugare a testa in giù senza problemi, forse non sanno che il rovescio della medaglia significa radici piatte e zero volume. Traduzione: capelli depressi che penzolano mosci intorno al viso e, ciliegina sulla torta, si sporcano molto più facilmente perché sono più a contatto con il sebo presente sul cuoio capelluto.

Chi rientra in questa tipologia di capello conosce bene la lotta infinita fatta di phon e spazzola e prodotti texturizzanti e volumizzanti per dare corpo alle lunghezze e sostegno alle radici, ma non sempre gli sforzi vengono premiati e la piega dura le 48 ore che in media interccorrono tra un lavaggio e l’altro. Spesso infatti è necessario un ritocco veloce la mattina del secondo giorno per rinvigorire la chioma che si è appiattita nottetempo.

A questo punto vediamo cosa puoi fare (e cosa no!) per regalare alla tua chioma almeno parte del volume che desideri, step by step dalla detersione all’asciugatura. E non solo, perché forse non lo sai, ma ci sono comportamenti e abitudini che possono peggiorare la tua situazione. Ricorda che il successo è dato dalla somma di tanti piccoli accorgimenti e la piega è

Il taglio per capelli fini

Capelli sottili e lunghi non sono un’accoppiata vincente, mettiti l’animo in pace. Raperonzolo non è la tua storia. Capelli lunghi significa maggior peso da sostenere e non c’è piega o prodotto che possa contrastare la forza di gravità a cui sono sottoposti. Preferisci invece tagli medi e medio corti e possibilmente scalati: i capelli fini tendono ad appiattirsi e in questo modo la chioma sembrerà più vuota. Le scalature e le sfilature, posizionate strategicamente, alleggeriscono regalando volume e movimento.

Tratta bene i capelli

La salute dello scalpo e dei capelli dovrebbe essere una regola generale, ma con i capelli fini è ancora più importante e non vuoi rischiare che si spezzino o si rovinino. Fai attenzione allo shampoo che usi, perché deve essere delicato: i prodotti troppo aggressivi li appesantiscono e rischiano di assottigliarli ancora di più.

Usa sempre un termoprotettore, anche se li asciughi solo con il phon, ed evita getti troppo violenti e temperature eccessive: regola sempre la temperatura dell’asciugacapelli e usa l’aria fredda per fissare la piega.

Se non puoi fare a meno di usare piastre e styler, scegli sempre quelli che ti permettono il massimo controllo della temperatura, così eviti di sottoporli a ulteriore stress e a sfibrarli e assottigliarli ulteriormente.

Evita acconciature troppo strette e prediligi scrunchie di seta ed elastici che non strappano. Usa spazzole delicate, soprattutto se i tuoi capelli tendono ad annodarsi facilmente, il rischio di spezzarli quando li pettini aumenta esponenzialmente.

Fai uno step pre-detersione facendo uno uno scrub per lo scalpo che aiuti a riattivare la circolazione del cuoio capelluto, che in questo modo sarà maggiormente irrorato e ossigenato, guadagnandone in vitalità.

Maschere, impacchi nutrienti e oli vanno applicati e lasciati in posa prima del lavaggio: in questo modo non andrai ad appesantirli ulteriormente in fase di messa in piega.

La piega per dare volume ai capelli fini: tips & tricks

Nella fase di pre-asciugatura usa sempre un spray termoprotettore, questa è una regola base generale, che non dipende dal tipo di capello, ma aiuta a preservali dai danni del calore. Lo step successivo invece, dipende dai prodotti che preferisci utilizzare. Puoi applicare una mousse volumizzante e testurizzante, ma se non senti affinità con questo tipo di texture, puoi procedere direttamente all’asciugatura.

Nel caso di capelli lisci, inizia ad asciugarli a testa in giù, massaggiando lo scalpo e assicurandoti di non mettere mai il phon controcuticola: il getto deve sempre andare verso la punta, così d anon danneggiarli. Fai attenzione alla temperatura dell’aria e utilizza un accessorio che non ti faccia arrivare un flusso d’aria troppo intenso. Se hai i capelli ricci, il diffusore è d’obbligo.

Una volta che hai asciugato il capelli dell’80/90% prendi spazzola rotonda e phon con il beccuccio. Dividi i capelli in sezioni e concentrati sulle radici, portando i capelli nel senso opposto a quello in cui cadranno: porta il lato destro verso sinistra, lavorando le radici con la spazzola e puntando il phon verso le radici, dal basso verso l’alto. Ripeti da lato opposto. Per la parte frontale, prendi le ciocche e portale in avanti con la spazzola, puntando ovviamente l’aria nella stessa direzione. Non tirare ininterrottamente le ciocche, piuttosto tira e rilascia ogni 5 secondi, così da dare amplificare l’effetto bounce delle radici. Fissa sempre con un getto di aria fredda.

Adesso puoi intraprendere due strade. Se sei soddisfatta della piega, applica lo spray volumizzante e texturizzante. Mettiti di nuovo a testa in giù, oppure solleva i capelli con le punte verso l’alto e vaporizza il prodotto sulle radici. Nel secondo caso rilascia la le ciocche piano piano, in modo da raggiungere tutta la superficie. Se invece vuoi una piega mossa e hai intenzione di usare styler o arricciacapelli, vaporizza il prodotto solo quando hai terminato con la piega.

Se l’indomani i capelli hanno perso il volume, soprattutto sulla nuca, vaporizza un po’ di shampoo secco, lascialo in posa 3 minuti e massaggialo bene sulle radici prima di rimuoverlo con la spazzola: in questo modo eliminerai il sebo che li ha appesantiti, ravvivando le radici.

Un altro metodo per regalare volume, bluffando un pochino, richiede l’impiego di una piastra per il frisée. Sì, hai letto bene, ma non stiamo cercando di far tornare le pettinature anni ’80, anche se a questo punto è forse solo questione di tempo prima che venga riscoperto. Detto ciò, non è assolutamente necessario farsi tutta la testa, ma basta fare il frisée sollo sulle radici che rimangono nascoste e lasciare un paio di strati superficiali al naturale, perché le ciocche sottostanti saranno in grado di offrire il sostegno necessario.

L’ultimo metodo prevede invece l’uso di bigodini. in questo caso puoi scegliere se quelli classici o quelli autoriscaldanti, da preferire nel caso tu sia pigra o abbia poca dimestichezza con spazzola e phon. Eh sì, perché i capelli devono essere scaldati per essere messi in forma, quindi se ti conosci puoi trarre le conclusioni adeguate. Il tempo di posa varia dai 15-20 minuti per quelli autoriscaldanti a un rang di 2 ore o tutta lo notte per quelli regolari.

Riproduzione riservata