Bronzer effetto

5 errori che non devi assolutamente commettere con il bronzer

Bronzer si, bronzer no. Questo è il problema. Ma forse no, soprattutto se si impara ad applicarlo nel modo corretto. Evitando gli errori più comuni (che in tante facciamo) e che rovinano il vostro make up. Ecco quali sono e come evitarli.

Giornate piene di sole e la voglia di abbronzarsi che si fa sempre più forte. Via libera al bikini quindi? Forse, ma non per tutte. La temperatura, infatti, per molte non è ancora così piacevole. E passare qualche ora sotto i raggi del sole, ottenendo quel bel colorito dorato che tanto piace, sembra ancora un miraggio. Ma niente paura. Con un tocco di bronzer l’effetto “tintarella” è assicurato, anche per le più freddolose.

Ovviamente se messo correttamente, evitando tutti quegli errori che molto spesso si compiono e possono rovinare il vostro make up e il risultato tanto desiderato. Ecco, allora, una serie di cose “da non fare” per garantirsi un trucco impeccabile e un volto luminoso. Per entrare come delle star nel mood più atteso dell’anno, quello estivo.

Non prestare attenzione alla tipologia di bronzer

Quante volte ci siamo dette “ma sì, un bronzer vale l’altro basta che colori”. Sbagliato! Come per qualunque altro prodotto beauty, se usato e scelto correttamente, può valorizzare ed esaltare ancora di più la vostra naturale bellezza. Se acquistato a caso e senza prestare la giusta attenzione durante la scelta, invece, può causare l’effetto opposto.

Quando si parla di bronzer, per esempio, la tonalità della nuance è importantissima per garantirvi un risultato impeccabile e super naturale. Evitando di creare una maschera sul vostro volto e un effetto assolutamente poco estetico. Nello specifico, il bronzer non deve mai essere più scuro di massimo una o due tonalità rispetto a quella del sottotono della vostra pelle.

Qual è il bronzer giusto per me?

Per esempio, per essere ancora più precisi, per scegliere il bronzer più adatto al proprio skin tone si può considerare di acquistare:

  • un bronzer dalle tonalità calde, tendenti al biscotto con un sottotono rosato o al marroncino, se si ha una carnagione chiara (solitamente con i capelli biondi);
  • bronzer dai toni pesca e beige se si hanno capelli castani e cute chiara;
  • naunce della terracotta o che si avvicinano al marrone medio con sottotono neutro (bronzati e ramati), se la vostra pelle ha una tonalità ambrata e con chioma scura;
  • colori scuri, dal sottotono caldo e brillante e con colorazione rosso-rosata, se avete la pelle naturalmente scura.
Bronzer nature

Effetto luminosità o volume?

Oltre, poi, a prestare attenzione anche all’effetto che si vuole ottenere. A seconda della tipologia e tonalità di bronzer, più o meno scura, infatti, questo può cambiare:

  • donando più calore alla naturale tonalità della pelle (scegliendo bronzer aranciati e brillanti);
  • aumentando il volume del volto (optando per colori più “freddi”).

Fermo restando che nel dubbio potete sempre chiedere consiglio a un esperto di make up.

Bronzer

Caricare il pennello con troppo prodotto

A volte, complice la troppa o troppo poca luce o la fretta, si tende a caricare in modo eccessivo il pennello, applicando troppo prodotto sul viso con totale noncuranza. Ora, premettendo che il make up è a tutti gli effetti un modo per prendervi cura di voi e “coccolarvi”, sappiate che il bronzer e la poca attenzione non vanno per nulla d’accordo. Il motivo?

Semplice. Un errore di make up come questo, riempire il pennello di troppo prodotto, anche se può sembrare banale “perché tanto poi lo distribuisco bene”, in realtà può compromettere la resa del vostro make up. Colorando troppo il vostro volto o obbligandovi a distribuire il bronzer anche dove non andrebbe messo. Ottenendo un effetto totalmente innaturale.

Ecco perché è sempre preferibile utilizzare poco prodotto, liberando il pennello da quello in eccesso picchiettandolo sulla mano e solo dopo passarlo delicatamente sul volto (e solo dove necessario).

bronzer troppo trucco

Applicare il bronzer su tutto il viso

Uno degli errori più comuni, infatti, è proprio il dove metterlo. Al di là della quantità, infatti, seppur importantissima, sapere come e dove applicare il bronzer è un elemento fondamentale per garantirvi un trucco da vere make up artist.

Come detto, scopo del bronzer è quello di ricreare sul volto il classico effetto “baciata dal sole” donando al viso un tocco di lucentezza e calore in più. Ovviamente andando a valorizzare solo quelle zone che naturalmente si colorano con i primi raggi di sole.

Per questo è importante applicarlo solo sugli zigomi, il naso, parte centrale della fronte e il centro del mento. Sfumandolo magari su décolleté e collo per un effetto più omogeno, e sempre:

  • partendo dalla fronte (in prossimità dell’attaccatura dei capelli);
  • passando per gli zigomi, in modo da disegnare un arco che parte dalla tempia fino all’angolo della bocca;
  • spennellando i lati del naso, (a eccezione del “ponte” per donare più luce);
  • e, infine, sfumando il bronzer sulla mandibola e fino al collo.

Quale pennello scegliere?

Per farlo correttamente, poi, anche il pennello che utilizzate è estremamente importante. Nel caso del bronzer, per esempio è meglio optare per pennelli larghi e tondi, con setole morbide. Per un’applicazione più uniforme, leggera e garantendovi la giusta manualità durante la sfumatura.

Bronzer pennelli

Scegliere la texture sbagliata

Ovviamente ognuna di noi è affezionata alla sua texture preferita, liquida o in polvere, ma come per ogni cosa l’abitudine non è sempre la scelta migliore che si possa fare. Soprattutto quando si tratta di make up. La prima cosa da considerare durante la scelta del bronzer, infatti, riguarda la tipologia di prodotto che si è usato come base.

Se avete utilizzato un fondotinta in polvere non dovreste mai applicare un bronzer liquido. Questo perché, non riuscendo a scorrere facilmente sul volto, quasi sicuramente andrebbe a formare macchie sulla cute e un trucco poco omogeneo. Ma non solo.

Bronzer polvere

Per la scelta della texture si dovrebbe considerare anche la tipologia della pelle. Per esempio, per chi ha la pelle grassa sarebbero da evitare i bronzer liquidi, perché andrebbero ad aumentare ancora di più l’oleosità della cute creando uno spiacevole effetto lucido (che non è la stessa cosa di luminoso).

Bronzer sui capelli e sopracciglia? Mai!

“Ma come” direte voi, “cosa c’entrano capelli e sopracciglia con il bronzer?”. Appunto, niente. Eppure non capita di rado di vedere anche su di loro un bello strato di bronzer colorato. Ora, anche considerando il fatto che i capelli tendono a schiarirsi con i raggi solari, appare chiaro quanto possa apparire poco estetico e innaturale vedere l’attaccatura della chioma e le sopracciglia di un colore che non è il loro.

Un errore comunissimo, dettato dalla fretta e dalla poca attenzione. E, quindi anche facilmente evitabile. Basta prendersi il tempo necessario ed eventualmente rimuovere il trucco in eccesso con un piccolo dischetto di cotone.  Un gesto semplice, banale ma che cambiare totalmente il risultato finale del vostro make up.

Pochi ma essenziali accorgimenti per applicare il bronzer nel modo corretto. Evitando di commettere i classici errori che fanno la differenza tra un trucco ben fatto e tutto il resto. E poter sfoggiare la vostra prima tintarella anche senza aver preso il sole, ma con un look sempre bellissimo e super naturale. A prova d’estate.

Riproduzione riservata

Make up your life

Beauty cards