Viso e corpo

Come non perdere la linea conquistata durante le vacanze

In estate ci si sente tutte decisamente meglio: più serene, più sexy, più leggere. In tutti i sensi. Come fare per mantenere la linea conquistata durante le vacanze? Non è difficile: segui questi pochi ma efficaci consigli!

Estate. Spensieratezza, divertimento, leggerezza. Dentro e fuori. Saranno le vacanze, sarà il mare, ma in estate lo stress si allontana dal nostro corpo e dalla nostra mente, invitandoci a vestire i nostri sorrisi migliori. Inoltre, la fame dovuta all'ansia, che di solito ci attanaglia in inverno, ci abbandona, lasciando spazio a cibi leggeri e salutari (cocco, anguria e frutta colorata o le classiche insalatone da chiringuito). Tutto ciò non incide affatto sulla linea, tanto che uno spritz in più in orario aperitivo non nuoce affatto. 

Insomma, grazie alla tintarella, che ci dona un bel colorito sano, e alla frenesia felice da vacanza, in estate otteniamo quella linea invidiabile, che tanto inseguiamo durante l'anno, senza afferrarla mai. Ci sentiamo più belle, più desiderabili, più in forma, nonostante la palestra sia chiusa. 

Poi, arriva settembre e tocca tornare a casa, alla realtà. Tocca abbandonare le serate al mare, gli aperitivi con gli amici, le giornate in trasferta... Ma almeno la linea possiamo tenercela? Sì, a patto che si seguano poche e semplici linee guida. 

Quali? Te le sveliamo noi qui sotto... Per conservare lo spirito estivo e quella forma fisica tipica della gioia, almeno per un po'. 

Per conservare la linea, mangia a orari regolari

Sei tornata allo smartworking? Datti uno schema. La noia o la controvoglia nel fare le cose può rischiare di farti riempire i buchi, mangiando. Inoltre, arrivando dall'estate, il periodo dell'anno senza regole per antonomasia, probabilmente hai perso parte della struttura che regolava la tua giornata. Quindi, riprendi a mangiare regolarmente: fai colazione tutti i giorni alla stessa ora e pianifica gli altri pasti principali. Allena il tuo corpo ad avere fame a intervalli regolari.

Scegli cosa mangerai ogni giorno

Anche decidere in anticipo cosa mangerai può aiutare a non sgarrare. Passare dalla dispensa o dal frigo e prendere a caso dei cibi può farti rischiare di eccedere nelle calorie, componendo dei pasti non bilanciati. Prediligi proteine sane e tanta verdura: al rientro è bene abbandonare un pochino i carboidrati per disintossicare l'organismo e ricominciare con più energia.  

Tieniti occupata per evitare di mangiare per noia

Al rientro, la noia o le distrazioni sono sempre in agguato e possono indurre il tuo cervello a pensare che sei affamata. Tenersi occupate è importante in modo da trarre gioia dalle attività non alimentari. Come si traduce nella pratica? Porta il tuo cane a fare lunghe passeggiate all'aperto, inizia un hobby per cui non hai mai avuto tempo prima, chiama un'amica per una chiacchierata ecc. Tutto, ma non mangiare. 

Pratica il controllo delle porzioni

Sembra ovvio: ingurgitare meno cibo comporta assumere meno calorie. Ma – e questo è meno ovvio – può influire anche sulle porzioni future. Uno studio pubblicato in aprile del 2018 sull'American Journal of Clinical Nutrition ha rivelato che quando le persone si servivano porzioni più piccole di cibo, mangiavano di meno anche il giorno successivo.

Comprendi il legame scientifico tra stress e fame

Al rientro, fai attenzione alla fame emotiva: lo stress potrebbe indurti ad aprire il congelatore una volta di più per estrarre il barattolo del gelato. Non ti colpevolizzare: uno studio della Mayo Clinic riporta che lo stress fa aumentare i livelli dell'ormone cortisolo e il nostro corpo per contrastarne la produzione, cerca gli zuccheri, che placano l'ansia. Peccato che creino assuefazione. Nessuno dice di evitarli del tutto, ma tieni a portata di mano quelli salutari, come il cioccolato fondente. 

Smetti di mangiare quando sei sazia

Prova l'alimentazione consapevole. Ovvero? Prenditi il tempo giusto per mangiare: nota i sapori degli alimenti, la loro consistenza, senza distrazioni (spegni la tv, allontana il cellulare dalla tavola). Questo ti aiuta a goderti completamente il cibo e a sentirti più soddisfatta. Inoltre tende a rallentare la velocità nel mangiare, sintonizzandoti con il tuo senso di sazietà. 

Rimani attiva per non perdere la linea

La palestra è probabilmente ancora chiusa e potresti non sentirti a tuo agio nell'andare a correre. Ma non assillarti: non è necessario riprendere subito l'attività fisica. Che si tratti di pulire casa, correre su e giù per le scale per le faccende domestiche o tagliare il prato, queste attività offrono tutte la possibilità di aumentare la frequenza cardiaca e bruciare calorie. Non solo: rimanendo attiva, anche la mente rimane attiva, riducendo lo stress, l'ansia e la depressione.

Dormi a sufficienza per controllare gli ormoni della fame

Le cattive abitudini di sonno possono avere un impatto negativo sulle abitudini alimentari, guastando l'attività degli ormoni che controllano la fame e la sazietà. In estate avrai fatto i bagordi molte notti, tirando l'alba. Ma ora è giusto riprendere "possesso" delle canoniche 6-7 ore di cui il corpo ha bisogno per rigenerarsi ogni notte. Cerca di andare a letto alla stessa ora ogni sera, almeno per il primo mese post vacanze: il tuo benessere necessità di regolarità ora. 

Bevi più acqua per assicurarti di rimanere idratata

La mancanza di sonno può farti bere caffè per tutto il giorno e lo stress crescente può farti desiderare un bicchiere di vino per rilassarti. Ma non dimenticare  il liquido idratante per definizione, che è anche privo di calorie: l'acqua. Bere acqua ti consente di “gonfiare” lo stomaco, suggerendo al cervello un senso apparente di sazietà. Inoltre, risveglia il metabolismo, che male non fa. Consuma i canonici 8 bicchieri d'acqua al giorno per mantenere il peso sotto controllo. 

Pensa alla gioia 

Lo stress si può tenere a bada in tanti modi. Uno di questi, forse banale e scontato, è pensare a ciò che ci dà gioia. I ricordi dell'estate, il prossimo weekend in montagna, il rivedere la collega per l'aperitivo o anche i 15 minuti di meditazione serale ti fanno sorridere? Sei sulla strada giusta.  

Riproduzione riservata