Viso e corpo

Un beauty-case ad alta quota

Proteggi la pelle al freddo
10-11-2014
Alessia Sironi

Pochi giorni e prenderà il via la stagione sciistica e forse avete già pianificato le vacanze natalizie. Occhio però, perché il viso, col freddo, ha bisogno di cure e trattamenti specifici. Parola d'ordine: nutrimento

Cure specifiche per il viso al freddo

La maggior parte delle persone tende a dedicare cure e attenzioni al proprio viso soprattutto nella stagione estiva, con i primi bagni di sole, le prime esposizioni e, aimè, anche le prime scottature.

“Il volto invece ha bisogno di essere “accudito” durante tutto l’anno, ma a maggior ragione, in inverno quando è costantemente aggredito dalle rigide temperature esterne e dai continui sbalzi termici.

Non basta più quindi una semplice crema idratante perché l’epidermide ha bisogno di nutrimento profondo e quindi di formule più ricche e grasse in modo da creare una barriera e proteggere così l’epidermide che altrimenti ne risentirebbe seccandosi eccessivamente e arrossandosi”, spiega la beauty consultant Laura Giacomini.

Sportive: occhio al vostro viso

Anche una buona crema nutriente può non bastare. Soprattutto per coloro che passano l’intera giornata all’aria aperta magari facendo attività sportive. Occorre anche preparare la pelle con un siero anti-age e, se possibile, una maschera idratante a giorni alterni. “Naturalmente non ci si può esimere dall’“indossare” uno schermo protettivo al di sotto di 25 Spf. Anche in caso di brutto tempo e nuvole basse”, continua l’esperta. E la sera? Una buona dose di nutrimento sarebbe l’ideale: bastano pochi minuti e subito la pelle risulta rigenerata!

Freddo: anche il corpo ha bisogno di coccole

Quando si parte per la montagna, si ha la necessità di portare solo il minimo indispensabile: prodotti che “reggano” da mattina a sera. “Ma il viso non può essere il solo protagonista delle nostre attenzioni perché in inverno anche il corpo ha bisogno di essere accudito: costretto dagli abiti e da numerosi strati di indumenti si disidrata facilmente”, chiarisce ancora la cosmetologa, “ecco allora che prima della partenza è necessario uno scrub per eliminare le cellule morte e poi in valigia un doccia schiuma a base di olio lavante o crema, e una buona formula idratante da spalmare abbondantemente la sera dopo la doccia, possibilmente a base di burro di karitè e vitamine A ed E che mantengono una perfetta idratazione dell’epidermide”.

Mani e labbra in pole position

Con le temperature rigide anche le labbra e le mani hanno la necessità di una barriera costante che le protegga dalle forti escursioni termiche. “Il mio consiglio è di optare per uno schermo quasi totale sulle labbra che tendono a disidratarsi e seccarsi facilmente”, conclude Laura Giacomini, “e per le mani utilizzare invece formule con principi lenitivi e nutrienti, creme ricche a base di glicerina o olio che riattivano la naturale capacità di idratazione dell’epidermide. Magari applicate più volte al giorno”.

Riproduzione riservata