Trucco

Questi sono tutti i segreti per un dot make up davvero da urlo

dot make up
13-05-2022
Laura Sandroni
Cos'è il dot make up, il trucco che enfatizza lo sguardo mettendoci un punto. Ecco come si realizza e come sfoggiarlo per essere al top

Lo sfoggiano modelle e influencer sui loro profili social, ma anche cantanti e attrici sia nella vita privata che in alcune delle serie tv più famose e seguite del momento, una fra tutte Euphoria. Diventando il make up di punta per chi voglia stupire regalando al proprio sguardo uno stile futuristico, originale, minimale ma dal magnetismo assicurato. Parliamo del dot make up o dot eyeliner.

Uno stile che di fatto è stato lanciato negli anni ’60 dalla modella Twiggy Lawson ma che è tornato prepotentemente di tendenza sugli occhi di tantissime celeb e non solo.

Un trucco semplice da realizzare e che si compone di pochi dettagli di puro stile o meglio, dei punti. Perché è proprio questo che caratterizza il dot make up, un trucco che si crea disegnando uno o più puntini di varie dimensioni lungo la rima ciliare inferiore (anche se nulla vieta di sbizzarrirsi anche in altri parti dell'occhio). E un make up che porta l’attenzione verso il basso, valorizzando lo sguardo senza grandi stravolgimenti e/o giochi di colore e sfumature, ma semplicemente (e letteralmente) mettendoci un punto.

Nota a favore? Sta bene a tutte o quasi. Ponendo l’attenzione sulla parte inferiore dell’occhio, infatti, sarebbe meglio evitarlo nel caso in cui si abbiano delle occhiaie molto pronunciate o gli occhi particolarmente gonfi. Così come non è il make up che maggiormente enfatizza la bellezza degli occhi tondi. In tutti gli altri casi e soprattutto in chi ha gli occhi piccoli o allungati, invece, il dot make up è davvero un’opzione da provare. Per impreziosire lo sguardo in poche e semplici mosse.  

Se anche tu vuoi provare a realizzare il dot make up, infatti, l’unica cosa che è importante avere è un po' di calma e precisione. Seguendo pochi step di vera bellezza:

  • per prima cosa si realizza una base trucco con fondotinta e correttore, in modo da coprire eventuali occhiaie o discromie, rendendo uniforme e omogeneo il colore dell’incarnato su cui si andrà a realizzare il dot make up;
  • a questo punto si passa alle sopracciglia che devono essere ben curate, pettinate e piene. Magari andando a infoltirle con una matita e un gel per fissare il tutto;
  • l’ombretto non è obbligatorio ma se lo si vuole utilizzare meglio optare per un colore chiaro come il bianco perlato o un nude, da stendere sulla palpebra mobile e negli angoli interni degli occhi;
  • con un pennello angolato e un ombretto opaco, poi, si deve realizzare una sfumatura posta leggermente più in alto della piega naturale dell’occhio;
  • ed ecco il momento più importante del dot make up, la realizzazione dei puntini. Per farlo si utilizza un eyeliner o una matita kajal, disegnando dei punti ben definiti anche di dimensioni diverse. L’importante è non esagerare con il prodotto. Finendo il tutto con una passata di mascara per allargare lo sguardo e donare maggior volume alle ciglia.

E il dot make up è pronto. Sfoggiandolo nel classico colore nero o anche con eyeliner di diverse cromie super glam e colorate. Come il rosso, utile per accendere lo sguardo o perché no, usando dei glitter per un effetto wow assicurato e per occhi sempre al top.

Riproduzione riservata