Emma Marrone e le macchie sul viso, la risposta agli haters e noi siamo con lei!

La cantante, ancora una volta, lancia un messaggio di self love in risposta agli hater che in un commento su Instagram criticavano l’aspetto della sua pelle e le sue macchie solari

Cosa vuol dire per una persona del mondo dello spettacolo mettersi a nudo sui social, mostrando anche i propri difetti? Vuol dire dare spazio agli haters e doversi difendere per qualsiasi cosa, comprese le banali macchie solari.

Emma e la causa delle macchie sul viso

Proprio come è successo a Emma Marrone che, senza volerlo, è diventata protagonista di un attacco social a causa del suo melasma, cioè l’iperpigmentazione di alcune zone del viso.

"In faccia ho le macchie di anni di bombardamenti ormonali per i problemi di salute che ho avuto. Non dovrei nemmeno giustificarmi con quattro ignoranti come voi...ma ogni tanto è giusto per far notare pubblicamente quanto siete piccoli, viscidi e cattivi. Vi auguro di fare almeno un decimo di quello che ho fatto io nella vita e vi auguro di avere le palle di mostrarvi al mondo per quello che siete. Ah scusate voi siete niente"

Una condizione cutanea che accomuna a molte donne, soprattutto a quelle che hanno dovuto assumere grandi dosi di ormoni per far fronte a problemi di salute di varia natura.

L’ennesimo attacco gratuito che, ancora una volta, ha portato la luce su come Instagram troppo spesso mostri una realtà distorta e, quando cade la maschera o si decide di mostrarsi al naturale, le critiche non tardano ad arrivare. Ma questa volta Emma non ci è stata e ha voluto rispondere per le rime ai suoi detrattori, facendo presente che non sono di certo le macchie della pelle a rendere una persona più o meno di valore. Più importante, invece, il percorso fatto per arrivare in alto, proprio come il suo.

Un piccolo gesto che, ancora una volta, ha normalizzato una condizione che mette a disagio moltissime persone ma, in una società che ci vuole sempre perfetti e senza errori, è fondamentale che sia normalizzata in tutti i suoi aspetti.

Leggi anche: Arisa e il rapporto con il suo seno, il messaggio su Instagram

#skinpositivity: le star non hanno più paura di mostrarsi al naturale

Siamo abituati a vedere le celeb e star di tutto il mondo sempre perfette, con una pelle levigata e senza difetti, ma è davvero così? No, inutile far finta.

Che sia merito di Photoshop o di un bravo make-up artist è bene sapere che anche chi calca i red carpet affronta ogni giorno piccoli o grandi difetti che possono minare la sicurezza di chiunque.

Le star, però, sembrano aver capito che mostrarsi al 100% soprattutto attraverso i social è il modo migliore per scatenare un’ondata di energia positiva che può far bene a tutti. Proprio come la #skinpositivity: un hashtag che raccoglie migliaia di testimonianze di giovani e meno giovani alle prese con difetti della pelle che, molto spesso, ci fanno vergognare del nostro aspetto. Esempi lampanti anche le celeb che hanno la vitiligine come Winnie Harlow super modella d'oltre oceano o Luca Onestini o Kasia Smutniack per rimanere in Italia.

Un movimento a favore della pelle bella al naturale con le sue discromie, con i pori dilatati, le macchie solari e via dicendo.

Leggi anche: Chiara Ferragni al nono mese senza veli, la risposta agli haters

Una piccola onda da cui poi ne sono nate tante altre come #acnepositivity, un’hashtag che spopola sui social e vuole riportare alla mente di tutti che non abbiamo colpe per l’acne, che non dipende da noi e che è giusto curarla, ma la prima cosa importante è non farsene una colpa nascondendola al modo.

Acne positivity: come cambia il modo di parlare della nostra pelle

VEDI ANCHE

Acne positivity: come cambia il modo di parlare della nostra pelle

Cosa che ha fatto anche Matilda De Angelis mostrandosi senza paura su Instagram con il viso colpito dall’acne. Una condizione che l’ha messa a disagio sia sul mondo del lavoro che fuori, ma che ora non vuole più tacere.

Un altro esempio da seguire è quello di Kasia Smutniak che, nel 2019, ha deciso di mostrare la sua vitiligine: una condizione cronica della pelle che porta alla comparsa di chiazze non pigmentate. Un disturbo che ha cercato di combattere per anni, senza successo, fino al raggiungimento della consapevolezza e accettando il tutto.

Un viaggio interiore che l’ha portata a una vera e propria missione per l’accettazione, verso sé stessi, di tutte le persone affette da vitiligine, tanto da realizzare e pubblicare un filtro Instagram per normalizzare questa malattia.

Kasia Smutniak e la vitiligine: «Oggi mi accetto»

VEDI ANCHE

Kasia Smutniak e la vitiligine: «Oggi mi accetto»

Riproduzione riservata

Make up your life

Beauty cards