Pride

Beauty inclusivity: dal makeup alle nails il mondo beauty è genderless

genderless beauty inclusivity
01-06-2022
Gaia Magenis
Esprimersi e raccontarsi: il mondo del beauty ha tantissimo da offrire e, oggi, è diventato un vero e proprio mezzo alla portata di chiunque, senza distinzione di genere

Genere? No, grazie. Se c'è un'industria che ha capito e ha imparato che la cosa migliore per far sentire chiunque accettato e amato, è il mondo del beauty. La beauty inclusivity, infatti, è una vera e propria realtà e non una tendenza passeggera e amata dai VIP: che sia il mondo del make-up, della skincare o delle nails, oggi, le barriere di genere sono state definitivamente abbattute, merito anche della Gen Z.

Vietato, però, pensare che questa sia una novità, ma solo una riscoperta del passato. Basta pensarci: fin dall'antico Egitto gli uomini amavano i prodotti di bellezza quali rossetto, cipria e smalto, cosa che è diventata sempre più presente nel periodo elisabettiano. Tutta colpa de 19esimo secolo dove, non si sa per quale motivo se non per il patriarcato, si è pensato che la bellezza e la cosmesi appartenessero solo e solamente alla sfera femminile.

Oggi le cose, però, stanno cambiando e dal mondo del make-up fino a quello delle unghie, passando per i content creator sempre più presenti sui social, la beauty inclusivity è un tema sempre più presente e che sta aiutando molti a uscire dal proprio bozzolo mostrandosi al mondo in tutta la propria bellezza.

La skincare

Per anni e anni si è pensato che la pelle avesse necessità diverse nel caso in cui fosse maschile o femminile. Ma oggi, è lo stesso consumatore a volere una skincare più fluida e senza identità di genere: le formule, infatti, devono essere performanti, efficienti, ecologiche e pulite. Prodotti basati sull'efficacia e sulla sicurezza senza differenze di profumo, confezione o nome: tutto questo semplicemente perché l'efficacia non ha genere.

E così Fenty Skin propone formule perette per la pelle, ma che non tengono alcun conto dei cromosomi X e Y. Ma anche Youth To The People, che oltre a formule clean e vegan, si impegna a sostenere la community LGTBQIA+ devolvendo, anche, parte dei ricavati di alcuni prodotti.

Il make-up

Innegabile che nel mondo del make-up, ormai, le barriere siano state abbattute e, questo, lo dimostrano i numerosi content creator che, grazie al make-up, raccontano la loro storia fatta di coming out, transizioni e, soprattutto, voglia di dimostrare la loro creatività senza paura.

Perché il come out of the closet non è mai semplice e, ancora oggi, spesso il make-up può essere un mezzo per sentirsi accettati e unici. Il brand precursore, impossibile negarlo, fu proprio MAC Cosmetics che con lo slogan All Ages. All Races. All Genders. non solo ha dimostrato al mondo che sì, anche il make-up può essere inclusivo.

Più recente, invece, è One/Size il brande del MUA e Youtuber Patrick Starr che non hai mai nascosto la sua omosessualità e che ha usato il make up come vero e proprio mezzo di comunicazione anche a sostegno della community LGTBQIA+.

Le nails

Fedez, Harry Styles, Sangiovanni, Achille Lauro e non solo: lo smalto è ormai sdoganato e la manicure maschile è diventata un affare di tutti. Perché se non esiste colore che distingue il genere, non deve neanche esistere pratica di bellezza che lo faccia.

Poco importa che siano nere, fluo, con nail art o simili: gli smalti e le unghie oggi sono un vezzo di bellezza scelto e usato da chiunque. SI chiama Pleasing ed è il brand dell'ex One Direction e, ormai, fashion icon, Harry Styles: un brand che non solo vuole comunicare senza distinzione di genere, ma anche di età. Davvero imperdibile.

Pensare, però, che il mondo del beauty genderless sia una visione troppo oltreoceano è un grande errore. Anche le realtà italiane, infatti, hanno capito che la bellezza inclusiva è un valore da mettere sotto i riflettori. Come Nailing Queen, il brand di smalto adesivo fondato da Marta Cillo, che comunica e dimostra che lo smalto è alla portata di tutti, poco importa il genere o le abilità: la cosa importante è amarsi senza paura.

Riproduzione riservata