Capelli

Bob: i tagli a caschetto del 2016

bob 2016

Le proposte dei saloni e delle sfilate del taglio più classico per eccellenza

Mondadori Photo
1/23

Come cambia nel 2016 il taglio più evergreen per antonomasia, quello a caschetto. Foto di saloni e sfilate primavera estate 2016.

Framesi
2/23

Una proposta Framesi della collezione 2016. Un soffio di vento e il ciuffo lungo e ben strutturato si muove con delicatezza: simbolo di come il taglio bob sia versatile e facile da gestire. Soprattutto se si ha i capelli lisci.

Saint Algue
3/23

Saint Algue propone un bob per capelli mossi che tendono al riccio.

La Bioesthetique
4/23

Classico bob strutturato, pieno e che accompagna il perimetro della testa in modo regolare. Proposto da La Bioesthetique.

Mondadori Photo
5/23

Riga in mezzo, ma con un piccolo ciuffo che fuoriesce dalla discriminatura, quasi ad irrompere il rigore imposto dal bob. Dal backstage di Caitlin Price.

Mondadori Photo
6/23

Caschetto lungo con frangia dritta da portare aperta sulla fronte. A scelta se al centro o spostata di lato. Entrambi Louis Vuitton.

Mondadori Photo
7/23

Da Alexis Mabille sfila il caschetto lungo ondulato con riga laterale. Un taglio classico che piace sempre di più.

Mondadori Photo
8/23

Frangetta corta e sfilata sui capelli effetto bagnato ed il bob si rinnova in versione 2016. Dal backstage di Ohne Titel

Everline
9/23

Bob sfilato con frangia lunga. Proposta di Everline.

Mondadori Photo
10/23

Caschetto pieno e regolare, perfetto per capelli lisci dalla struttura grossa. Visto alla sfilata di Elie Saab.

Mondadori Photo
11/23

È un bob cortissimo quello visto alla sfilata di Moschino primavera-estate 2016 (ecco uno scatto del backstage). Può essere definito già un pixie-cut.

Mondadori Photo
12/23

Bob di ispirazione anni '60: pieno e con frangia, tagliato a scodella, in modo da accompagnare perfettamente il perimetro della testa. Visto alla sfilata di Francesco Scognamiglio.

Mondadori Photo
13/23

Caschetto corto con frangettina, ugualmente corta. Visto nel backstage di Hanley Mellon

Mondadori Photo
14/23

Caschetto pieno e mosso, visto alla sfilata di Diesel Black Gold.

Mondadori Photo
15/23

Grinko propone un caschetto per capelli ricci e ribelli, di ispirazione afro.

Mondadori Photo
16/23

Ecco sfilare il caschetto destrutturato da Pringle of Scotland. Le lunghezze sono medie, ma la struttura è "aperta" e poco rigida, a differenza dei bob in visti in precedenza.

Luciano Colombo
17/23

Luciano Colombo propone un bob morbido con boccoli di hollywoodiana memoria.

Jean Louis David
18/23

Caschetto liscio e dritto che perde un po' della sua classicità sollevando le punte verso l'alto. Proposto da Jean Louis David.

Mondadori Photo
19/23

Caschetto mosso con e senza frangia visto in passerella da Louis Vuitton.

Mondadori Photo
20/23

Ob-shag, il bob cioè molto scalato: a sinistra un taglio con frangia, a destra con ciuffo. Entrambi Tibi.

Mondadori Photo
21/23

Ecco il lob, il caschetto lungo in versione leggermente ondulata Sfilata Maison Rabih Kayrouz .

Wella
22/23

Caschetto pieno e voluminoso, reso più brioso da una ciocca color fragola che spicca sul biondo paglierino. Proposto da Collezione The Club per Wella.

Compagnia della Bellezza
23/23

Un taglio bob lungo, abilmente scalato per conferire volume alla chioma. La frangia a tendina movimenta ancor più il taglio. Proposto da Compagnia della Bellezza.

PREV
NEXT

B-O-B: 3 lettere per indicare un taglio ormai leggendario, nato più di 100 anni fa, e che ogni anno torna sulla scena, rinnovandosi. Non solo, il caschetto (“casco”, traduzione letterale di “bob“, appunto) comprende quasi sempre tutte tendenze capelli, in modo trasversale. Se va di modo il lungo o il cortissimo, è difficile la lunghezza media – sopra o sotto le orecchievenga definitivamente abbandonata dalle collezioni.

Ed è ciò che accade nel 2016, anno in cui si registra innanzi tutto un ritorno del bob anni ’60, tondo e pieno con frangia, con una struttura tendenzialmente a scodella. I carrè del nuovo anno sono dritti e abbastanza strutturati, con qualche eccezione che va nella direzione dello shag, il taglio cioè molto scalato, con lunghezze a più “strati” lungo il perimetro della testa.

In passerella hanno sfilato inoltre bob di tutte le lunghezze, corti e lunghi, fino a sfiorare il collo. Accompagnati da frangia corta o media da portare aperta a tendina.
Resta stabile il wob, cioè la declinazione ondulata del bob (wob = neologismo coniato dall’unione di waves, onde, e bob).

Riproduzione riservata